Questa settimana abbiamo approvato all’unanimità in Consiglio regionale una proposta di risoluzione “in merito alla definizione delle aree non idonee per l’installazione di impianti di produzione di energia geotermica in Toscana”.

Dopo un lungo lavoro condiviso con i territori, siamo arrivati a proporre un percorso per arrivare alla definizione delle aree non idonee all’installazione di impianti di produzione di energia geotermica in Toscana. Lo faremo coinvolgendo i Comuni interessati, nell’esclusivo interesse di  arrivare ad una buona sintesi e ad un punto di equilibrio tra occasione di sviluppo e tutela del territorio.

Sono convinto che la geotermia sia una grande opportunità per la Toscana, ma che al tempo stesso sia necessaria contemperarla con le esigenze di tutelare il pregio paesaggistico e ambientale.

La ‘zonazione‘ dovrà essere raggiunta attraverso una ricognizione che tenga conto sia dei vincoli esistenti di natura paesaggistica e ambientale, che della vocazione produttiva del territorio, a partire dalle produzioni agricole di particolare pregio. Saranno quindi i Comuni a individuare e proporre alla Regione, le aree non idonee allo sfruttamento dell’energia geotermica che dovranno comunque essere coerenti con le linee guida regionali.

Ecco il testo della risoluzione approvata sulle AREE NON IDONEE per l’installazione di impianti geotermici.