Il Pd senese vota all’unanimità un documento contro il rimpasto di giunta che esclude Ceccobao

Inserito da casoledelsa il 14 Marzo 2013

Un voto per sottolineare il dissenso dei democratici senesi sul rimpasto della giunta regionale che ha escluso Luca Ceccobao  dall’organo di governo guidato da Enrico Rossi. E’ quello espresso all’unanimità dalla direzione del Partito democratico senese riunitasi ieri, mercoledì 13 marzo.

“La direzione – si legge nel documento – valuta la vicenda del rimpasto di giunta che ha visto l’esclusione di Luca Ceccobao molto grave, almeno per due motivi. Prima di tutto per Ceccobao, al quale va tutta la nostra solidarietà, che si è trovato a dover interrompere un lavoro importante per le infrastrutture della nostra regione. In secondo luogo perché Siena si trova improvvisamente priva di una rappresentanza nella giunta regionale, in una delle fase più difficili della sua storia. Accanto al danno dal punto di vista amministrativo, dunque, c’è anche un risvolto politico di grande rilevanza. Nei giorni scorsi ci eravamo espressi a tutti i livelli politici, ma anche amministrativi, per far sentire il ‘no’ di tutto il nostro territorio al rimpasto della giunta”.

“La scelta – continua il documento – è ancor più grave se si considera che è stata presa senza consultare nessuno e annunciata, poi, a ‘mezzo stampa’. Nella direzione regionale del partito di martedì 12 marzo, dopo aver stigmatizzato questo atto del presidente, come democratici senesi abbiamo deciso di dare un segnale forte abbandonando l’assemblea per esprimere il nostro dissenso. Crediamo che sia indispensabile richiedere attenzione alla Regione su alcuni temi essenziali per il nostro territorio, riconoscendo che l’amministrazione regionale è stata vicina a Siena, solo per fare due esempi recenti, con la sottoscrizione del patto per sviluppo e il sostegno al Santa Maria della Scala”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Nuovo statuto Fondazione MPS

Inserito da casoledelsa il 14 Marzo 2013

 

Nuovo statuto Fondazione MPS: ridurre peso della politica, non oltre il 50% nelle nomine. Burresi: “Adesso sostenere il cambiamento è urgente. E’ il momento di invertire la rotta e dare spazio a una nuova generazione di persone e di idee”.

 

 

Da oggi tutti glfmpsi enti pubblici e privati possono scaricare la bozza del nuovo Statuto della Fondazione del Monte dei Paschi di Siena direttamente dal sito http://www.fondazionemps.it e partecipare, con trasparenza, alla sua formazione attraverso l’invio di suggerimenti e critiche.

“Ridurre il peso della politica nelle scelte del Monte dei Paschi, ridurre il numero dei componenti della Deputazione Generale e Amministratrice della Fondazione MPS puntando ad un deciso innalzamento del livello di professionalità e competenza degli amministratori, mantenere ed esercitare una piena autonomia. Aspetti irrinunciabili che dovranno essere presenti nel nuovo statuto – dichiara Riccardo Burresi, Presidente del Consiglio Provinciale di Siena alla luce della bozza di revisione dello statuto pubblicata dalla Fondazione MPS”.

“Adesso è il momento di sostenere scelte nuove e coraggiose”, continua Burresi. “Nel passato il Monte dei Paschi ha avuto a disposizione milioni di Euro per questo territorio che oggi non ci sono più. Il rapporto con la Fondazione è stato vissuto in modo distorto fino a degenerare. Qualcuno ha pensato che fosse come un bancomat, da usare per ogni necessità. Adesso sostenere il cambiamento è urgente.

E’ il momento di invertire la rotta e dare spazio a una nuova generazione di persone e di idee. Dalla bozza del nuovo statuto della Fondazione MPS esce un forte messaggio di novità. Penso sia indispensabile che le nomine degli organi del Fondazione Monte dei Paschi siano equilibrate tra le Istituzioni senesi e le associazioni del territorio, dal volontariato e la cultura al mondo del lavoro e dell’impresa.

La politica, attraverso le Istituzioni locali, non dovrà nominare più del 50% dei componenti la Deputazione Generale e Amministrativa. Nel nuovo statuto – conclude Burresi – tutto il territorio senese dovrà essere protagonista delle scelte e deve essere spezzato quel legame di smisurata e distorta dipendenza con la politica. La Fondazione deve tornare a dialogare con le Istituzioni senesi sviluppando un equilibrato e corretto rapporto di reciproca responsabilità e autonomia. La Fondazione MPS deve operare nell’esclusivo interesse delle persone che vivono nel nostro territorio: selezioni nuove idee e competenze, senza cedere a compromessi, e sostenga soltanto progettualità di alto livello qualitativo e con evidenti e importanti ricadute per la nostra comunità”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

MACCHIETTI: “LA RIDUZIONE DI NUOVO TERRITORIO PREVISTA DAL PTCP SI CONCRETIZZI NEGLI STRUMENTI URBANISTICI DEI COMUNI”

Inserito da casoledelsa il 14 Marzo 2013

“Far diventare la provincia di Siena un laboratorio della sostenibilità del territorio, riducendo drasticamente il consumo di suolo, impegnandosi per il recupero degli spazi esistenti e tutelando le risorse idrogeologiche. E’ questa la direzione di marcia tracciata dal Piano territoriale di coordinamento provinciale al quale tutti gli strumenti urbanistici dei Comuni dovranno attenersi. In particolare, il nostro obiettivo è quello di lavorare affinché l’adozione degli indirizzi contenuti nel Ptcp diventi effettiva e si traduca in reali previsioni urbanistiche da parte dei Comuni”. E’ quanto afferma l’assessore alla pianificazione territoriale, Marco Macchietti commentando la proroga al 31 dicembre 2013 dei termini entro i quali i Comuni dovranno rivedere i propri strumenti urbanistici, nel rispetto delle linee di indirizzo contenute nel Ptcp.

“Il Ptcp - aggiunge Macchietti – punta, in primo luogo, a tutelare e a valorizzare l’ambiente e il paesaggio, due risorse importanti, da sempre, per la provincia di Siena sotto il profilo economico e della competitività. Nel corso degli anni è stata innalzata, in termini generali, la qualità progettuale sul nostro territorio al fine di tutelare le sue eccellenze, a partire dal paesaggio. Purtroppo, alcune aree sono state caratterizzate da un eccesso di edificazione che, in alcuni casi, ha aumentato i costi per le erogazioni dei servizi e ridotto l’efficienza delle infrastrutture esistenti, sovraccaricando strade importanti e incidendo negativamente sulla qualità della vita dei cittadini”.
“Con il Ptcp - continua Macchietti - vogliamo cercare di intervenire anche su questo aspetto, favorendo un minore consumo del territorio e un maggiore recupero dei volumi esistenti, attraverso una strategia di area vasta e condivisa che fissa importanti limiti all’uso delle risorse naturali. Al tempo stesso, vogliamo dare risposte concrete alla necessità di aumentare la capacità attrattiva del nostro territorio, perché potenzi la sua competitività nei diversi settori produttivi e possa guardare al futuro”.

 

CASSA INTEGRAZIONE, PRIMO SBLOCCO DA MINISTERO E INPS DEI PAGAMENTI

Inserito da casoledelsa il 14 Marzo 2013

FIRENZE – I lavoratori in cassa integrazione o mobilità in deroga da gennaio 2013 ancora in attesa di riscuotere le prime mensilità, potranno a breve iniziare a ricevere le indennità. Dopo una serie di pressioni continue esercitate dalle Regioni e dai sindacati finalmente l’Inps nazionale ha autorizzato le sedi regionali a dare il via ai pagamenti.

“Abbiamo preso atto della notizia dello sblocco – commenta l’assessore alle attività produttive lavoro e formazione Gianfranco Simoncini – che finalmente dà una risposta positiva all’impegno profuso in questi mesi dalle Regioni per sollecitare una soluzione ai problemi burocratici legati al nuovo quadro normativo che non penalizzasse migliaia di lavoratori coinvolti”.

L’assessore Simoncini, nella sua veste di coordinatore per il lavoro in seno alla Conferenza delle Regioni, era intervenuto più volte nei confronti del ministro del lavoro Elsa Fornero, delle strutture del Ministro e dell’Inps, per sbloccare la situazione. Proprio stamani si è svolto l’ultimo incontro con il ministro.

“Mi auguro che oggi, superato il blocco – spiega ancora Simoncini – gli uffici dell’Inps possano smaltire il forte ritardo accumulato in questi due mesi di stallo in modo da assegnare rapidamente gli arretrati ai lavoratori, dando sollecitamente risposta a chi già da troppo tempo è stato lasciato senza reddito e che non vengano sollevati nuovi cavilli burocratici che sarebbero intollerabili”.

Da gennaio ad oggi la Regione Toscana ha ricevuto 4927 domande di cassa integrazione in deroga, per un totale di 21591 lavoratori, mentre le nuove domande di mobilità sono state 426, cui si aggiungono quelle autorizzate a cavallo fra il 2012 e il 2013, che sono in tutto 1043.

” Si tratta di domande che, già oggi, superano le prime risorse attribuite alla Regione Toscana dal Governo nazionale: 33 milioni. Per far fronte a questa situazione, oltre a convocare la riunione degli Assessori regionali al lavoro per ottenere dal governo una ulteriore ripartizione delle risorse ad oggi presenti nel bilancio dello stato, stiamo predisponendo una delibera di giunta che inviti l’Inps regionale a liquidare, intanto, due mensilità per il 2013 di ammortizzatori in deroga a tutti coloro che ne hanno diritto, per poi proseguire nell’erogazione una volta pervenute le nuove risorse statali. Tale decisione permetterebbe di evitare disparità di trattamento tra lavoratori che vivono, tutti, una situazione di pesante disagio”.

“Rimane, poi, purtroppo aperta la questione del completamento dei pagamenti per il 2012 – sottolinea infine Simoncini – per i quali sono necessari circa 180 milioni di euro e per la copertura degli ammortizzatori in deroga per tutto il 2013, essendo le risorse assolutamente insufficienti rispetto alla spesa storica ed in particolare all’aumento nell’utilizzo della cassa registrato a gennaio. Diviene quanto mai urgente, anche per gli ammortizzatori in deroga, che si arrivi rapidamente alla formazione di un nuovo governo ed alla piena funzionalità del Parlamento in grado di trovare nel bilancio dello stato le risorse aggiuntive per arrivare a fine anno”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Marzo 2013
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Categorie

Archivi

LINK

Meta