Otto punti per un governo di cambiamento Proposta del segretario Pier Luigi Bersani alla Direzione del Partito Democratico per lo sviluppo, la crescita e il cambiamento

Inserito da casoledelsa il 7 Marzo 2013

1. Fuori dalla gabbia dell’austerità

Il Governo italiano si fa protagonista attivo di una correzione delle politiche europee di stabilità. Una correzione irrinunciabile dato che dopo 5 anni di austerità e di svalutazione del lavoro i debiti pubblici aumentano ovunque nell’eurozona. Si tratta di conciliare la disciplina di bilancio con investimenti pubblici produttivi e di ottenere maggiore elasticità negli obiettivi di medio termine della finanza pubblica. L’avvitamento fra austerità e recessione mette a rischio la democrazia rappresentativa e le leve della governabilità. L’aggiustamento di debito e deficit sono obiettivi di medio termine. L’immediata emergenza sta nell’economia reale e nell’occupazione.

2. Misure urgenti sul fronte sociale e del lavoro

- Pagamenti della Pubblica Amministrazione alle imprese con emissione di titoli del tesoro dedicati e potenziamento a trecentosessanta gradi degli strumenti di Cassa Depositi e Prestiti per la finanza d’impresa.

- Allentamento del Patto di stabilità degli Enti locali per rafforzare gli sportelli sociali e per un piano di piccole opere a cominciare da scuole e strutture sanitarie.

- Programma per la banda larga e lo sviluppo dell’ICT.

- Riduzione del costo del lavoro stabile per eliminare i vantaggi di costo del lavoro precario e superamento degli automatismi della legge Fornero.

- Salario o compenso minimo per chi non ha copertura contrattuale.

- Avvio della universalizzazione delle indennità di disoccupazione e introduzione di un reddito minimo d’inserimento.

- Salvaguardia esodati.

- Avvio della spending review con il sistema delle autonomie e definizione di piani di riorganizzazione di ogni Pubblica Amministrazione.

- Riduzione e redistribuzione dell’IMU secondo le proposte già avanzate dal PD.

- Misure per la tracciabilità e la fedeltà fiscale, blocco dei condoni e rivisitazione delle procedure di Equitalia.

Ciascun intervento sugli investimenti e il lavoro sarà rafforzato al Sud, anche in coordinamento con i fondi comunitari.

3. Riforma della politica e della vita pubblica

- Norme costituzionali per il dimezzamento dei Parlamentari e per la cancellazione in Costituzione delle Province.

- Revisione degli emolumenti di Parlamentari e Consiglieri Regionali con riferimento al trattamento economico dei Sindaci.

- Norme per il disboscamento di società pubbliche e miste pubblico-private.

- Riduzione costi della burocrazia con revisione dei compensi per doppie funzioni e incarichi professionali.

- Legge sui Partiti con riferimento alla democrazia interna, ai codici etici, all’accesso alle candidature e al finanziamento.

- Legge elettorale con riproposizione della proposta PD sul doppio turno di collegio.

4. Voltare pagina sulla giustizia e sull’equità

- Legge sulla corruzione, sulla revisione della prescrizione, sul reato di autoriciclaggio.

- Norme efficaci sul falso in bilancio, sul voto di scambio e sul voto di scambio mafioso.

- Nuove norme sulle frodi fiscali.

5. Legge sui conflitti di interesse, sull’incandidabilità, l’ineleggibilità e sui doppi incarichi

Le norme sui conflitti di interesse si propongono sulla falsariga del progetto approvato dalla Commissione Affari Costituzionali della Camera nella XV Legislatura che fa largamente riferimento alla proposta Elia-Onida-Cheli-Bassanini.

6. Economia verde e sviluppo sostenibile

- Estensione dello sgravio fiscale del 55% per le ristrutturazioni edilizie a fini di efficienza energetica.

- Programma pubblico-privato per la riqualificazione del costruito e norme a favore del recupero delle aree dismesse e degradate e contro il consumo del suolo.

- Piano bonifiche.

- Piano per lo sviluppo delle smart grid.

- Rivisitazione e ottimizzazione del ciclo rifiuti (da costo a risorsa economica). Conferenza nazionale in autunno.

7. Diritti

- Norme sull’acquisizione della cittadinanza per chi nasce in Italia da genitori stranieri e per i minori cresciuti in Italia.

- Norme sulle unioni civili di coppie omosessuali secondo i principi della legge tedesca che fa discendere effetti analoghi a quelli discendenti dal matrimonio e regola in modo specifico le responsabilità genitoriali.

- Legge sul femminicidio.

8. Istruzione e ricerca

- Contrasto all’abbandono scolastico e potenziamento del diritto allo studio con risorse nazionali e comunitarie.

- Adeguamento e messa in sicurezza delle strutture scolastiche nel programma per le piccole opere.

- Organico funzionale stabile, piano per esaurimento graduatorie dei precari della scuola e reclutamento dei ricercatori.

Queste proposte, che non sono ovviamente esaustive di un programma di governo e di legislatura, ma che segnano un primo passo concreto di cambiamento, vengono sottoposte a una consultazione sia riferita alle priorità sia ai singoli contenuti. A questo fine verranno messi in rete l’elenco delle proposte e, via via per ogni singolo punto, i relativi progetti di legge o le specificazioni di dettaglio in modo da consentire una partecipazione attiva alla elaborazione e all’arricchimento dei contenuti.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

8 marzo, a Siena si ricordano le donne della Resistenza con lo spettacolo “La partigiana nuda”

Inserito da casoledelsa il 7 Marzo 2013

A Siena si celebra l’8 marzo ricordando le donne della Resistenza. Venerdì 8 marzo alle ore 18 presso la sala della Pubblica Assistenza in viale Mazzini (ingresso libero) va in scena “La partigiana nuda – Storie di donne nella Resistenza”, lo spettacolo prodotto da Aresteatro dal testo di Egidio Meneghetti e da un progetto di Silvia Folchi, che vedrà protagoniste Silvia Bruni e Alessandra Fantoni, con i video di Silvia Folchi e Antonio Bartoli e le musiche di Francesco Oliveto. L’appuntamento, a cura della sezione soci Siena di Unicoop Firenze, fa parte del cartellone unico di eventi in occasione della Festa della Donna coordinato dalla Provincia di Siena.    

Lo spettacolo narra un episodio della Resistenza nel Veneto. Accadeva a Palazzo Giusti di Padova, nell’inverno tra il 1944 e il 1945, che la «Banda Carità» talvolta costringesse le partigiane più coraggiose a denudarsi tra scherni e insulti. In quella atmosfera di incubo taluna rasentò la follia. E la follia, con il suo grande mistero, seppe incutere rispetto o, almeno, imporre ritegno. Le parole usate sono semplici e disadorne: chi le ha scritte, più volte, spontaneamente, ha richiamato espressioni e atteggiamenti dei cantastorie che da secoli, specialmente nelle campagne, ripetono la tragedia della «Donna lombarda» e altre leggende. Soprattutto per mantenere aderenza con la più schietta anima popolare – che è stata anche l’anima della Resistenza veneta – nello spettacolo viene usato il dialetto veneto il quale, per tale scopo, è davvero insostituibile, tanto che per lo spettacolo è stata scelta non  a caso un’attrice veneziana.  

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

ATTIVITA’ REGIONALE PER SIENA E PROVINCIA

Inserito da casoledelsa il 7 Marzo 2013

PUBBLICHIAMO RESOCONTO ATTIVITA’ REGIONALE INVIATOCI DAL CAPOGRUPPO DEL PD DI

SAN GIMIGNANO ANDREA MARRUCCI

 

All’attenzione dei Segretari delle UC del PD della Val d’Elsa

All’attenzione dei capi gruppo PD della Val d’Elsa

Al Coordinatore del PD Val d’Elsa

Al Consigliere regionale PD

 

Carissime e carissimi,

come ho fatto in occasione del primo anno del mio impegno in Regione Toscana presso l’Assessorato alle Infrastrutture ed i Trasporti, trovo doveroso inviarvi, e credo di farvi cosa gradita, un nuovo report delle principali attività che abbiamo svolto per il nostro territorio e per la provincia di Siena, aggiornato ai primi due anni e mezzo di legislatura.
E’ il frutto di tanto lavoro a Firenze, fatto con passione e badando al sodo, con concretezza, nell’interesse esclusivo di produrre risultati utili per la nostra regione e per i nostri territori.

C’è, ovviamente, ancora tantissimo da fare, peraltro in una fase complessa ed inedita per quanto riguarda gli assetti istituzionali e il comprimersi della spesa pubblica. Ma non abbiamo altra scelta se non quella di muoverci. Con senso delle istituzioni e con qualche idea, nonostante le minori risorse, per caraterizzare ancora di più e meglio l’approccio riformatore intrapreso in settori per loro natura restii al cambiamento.

 

Sono a vostra disposizione per ogni chiarimento e vi ringrazio. 

Buon lavoro e cari saluti a tutti.

Andrea Marrucci

CLICCATE QUI SOTTO PER LEGGERE IL RESOCONTO

 report-siena-2013-1

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

CONSIGLIO COMUNALE DEL 13 -2 - RISPOSTA ALL’INTERROGAZIONE DEL CENTROSINISTRA PER CASOLE

Inserito da casoledelsa il 7 Marzo 2013

PUBBLICHIAMO LA RISPOSTA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE ALLA INTERROGAZIONE DEL CENTROSINISTRA PER CASOLE

CLICCARE SOTTO PER LEGGERE

6_3_2013_10-22-am_2665_0001_1030058001

Categoria: Consiglio Comunale, GRUPPO CONSILIARE CENTROSINISTRA, Informazioni | Nessun Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Marzo 2013
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Categorie

Archivi

LINK

Meta