Documento presentato dai Capigruppo del PD Valdelsa al Consiglio Comunale Aperto in Adunanza Congiunta a Poggibonsi

Inserito da casoledelsa il 10 Gennaio 2013

Pubblichiamo il documento presentato dal Capogruppo di Casole CAVICCHIOLI,   in rappresentanza del Partito Democratico della Valdelsa ….è disponibile la registrazione del Consiglio Comunale Aperto su

VALDELSA WEBTV

Buongiorno a tutti,

porgo il saluto  e il ringraziamento del PD della Valdelsa a tutti i presenti, in particolare all’Assessore Regionale, ai Sindaci, ai Dirigenti Sanitari e  a tutti gli intervenuti:

E’ con grande soddisfazione che partecipiamo a questo importante momento di discussione per arrivare a ridisegnare e a riorganizzare il sistema sanitario regionale.

Come Partito Democratico vogliamo innanzi tutto ricordare l’importanza e il ruolo Sistema sanitario nazionale , introdotto nel 1978 con la legge 833, che ha sancito l’universalità del servizio ed ha caratterizzato il diritto alla cura, l’accessibilità alle strutture e l’equità per tutti i cittadini, indipendentemente dalle condizioni sociali ed economiche.

La sanità pubblica è una conquista da salvaguardare per conservare un sistema che ha fatto del nostro paese uno dei più avanzati.

Per dirla anche con le parole del nostro presidente Giorgio Napolitano “Bisogna non regredire, bisogna non abbandonare quella scelta, non abbandonare quella postazione che è titolo di civiltà per il nostro Paese, ma bisogna effettivamente saper intervenire in modo puntuale, evitando gli sprechi, con grande attenzione selettiva”.

Certamente dobbiamo anche rilevare come in questo campi si registrino sprechi e fenomeni corruttivi , ma per riformare il settore dobbiamo evitare tagli lineari che colpiscano indiscriminatamente, penalizzando quelle realtà virtuose ed efficienti , che hanno saputo riformarsi  e che hanno saputo razionalizzare.

Quindi se la scelta politica per il futuro è di appaltare ai privati  e la conseguenza sarà quella di un diritto alla salute a 2 velocità,  una per ricchi e l’altra per poveri, vedrà il nostro partito certamente contrario.

E’ bene anche   ricordare come i processi e gli investimenti nella ricerca scientifica possano portare a dei cambiamenti che se ben governati contribuiscono alla qualità ed alla riduzione dei costi sanitari.

 Naturalmente apprezziamo lo sforzo della Regione Toscana che si trova  di fronte ad una consistente riduzione delle risorse in un momento in cui il bisogno socio-sanitario della popolazione tende ad aumentare. Condividiamo ed accettiamo la sfida che il sistema, per non “regredire” debba percorrere l’inevitabile strada del cambiamento.

Ma come  Partito Democratico della Valdelsa vogliamo anche rivendicare, insieme alle altre forze progressiste, una tradizione e una capacità di dare risposte innovative in questo campo:

non dimentichiamo infatti l’esperienza del Monoblocco di Campostaggia,  la costituzione nel 2006 della Fondazione Territori Sociale Altavaldelsa , che ha fornito, a nostro parere,  un eccellente risposta  in questo settore, contribuendo notevolmente ad elevare la qualità della vita  e il mantenimento della coesione sociale nei nostri  territori.

 Come forza politica di governo della Valdelsa ,  che in questi anni, al riparo dai campanilismi e da posizioni di comodo,  ha sacrificato la presenza di tre ospedali comunali e ha poi investito  sui servizi per la deospedalizzazione con l’apertura   del Day Service, l’Ospedale di Comunità, e istituito altri servizi di deospedalizzazione, chiediamo alla Regione di non essere penalizzati,  da una riorganizzazione che renda vani i sacrifici profusi e le risorse investite.

Condividiamo lo spirito della riforma ma auspichiamo il mantenimento della qualità e della quantità dei servizi erogati,  pur in un contesto di razionalizzazione e contenimento  dei costi.

E’ rilevante,  in questo settore anche l’apporto delle risorse umane,   la cui dotazione deve essere garantita e valorizzata attraverso processi interni,  ispirati a principi di trasparenza ed equità.

Più in dettaglio vorremmo porre all’attenzione dell’Assessore e dei Dirigenti Sanitari,  l’importanza e il ruolo dell’Ospedale di Campostaggia  che rispetta appieno i parametri previsti dalla legge , configurandosi come punto di rifermento sanitario di eccellenza,  per una popolazione che va ben oltre i 60.000 abitanti della Valdelsa, ma raccogliendo  un bacino di utilizzo di 100.000 abitanti, fornendo prestazioni anche alla zona della Valdelsa Empolese  a parte del Chianti Fiorentino e anche a Volterra come influenza sui numeri di ginecologia- ostetrica.***

In un documento del maggio 2012,  redatto dalla Commissione Sanità e Sociale  del Pd della Valdelsa,  si è stimato che circa il 42% di tutte le attività diagnostiche e terapeutiche in regime di ricovero è erogata   in favore degli utenti esterni alla zona sociosanitaria, per un valore economico complessivo di circa 9 milioni di euro ogni anno.

Fondamentale  è  anche il rapporto con l’Azienda Ospedaliera delle Scotte  che dovrebbe svilupparsi  secondo principi di  interscambio ed integrazione evitando qualsiasi sovrapposizione o competizione.

Abbiamo inoltre come PD fatto delle proposte concrete di riorganizzazione e di apertura di dialogo con la USL 7  che a distanza di 6 mesi hanno ancora una valenza: in particolare rileviamo tra queste l’assoluta necessità della copertura dei primari vacanti nei reparti di:  pronto soccorso, ginecologia -ostetricia, dell’Ospedale di Campostaggia.

Riteniamo infatti tali dotazioni di organico elemento di sicurezza clinica di questi reparti.

C’è poi da affrontare il tema dell’integrazione socio/sanitaria , definire con precisione il ruolo della Fondazione Territori Sociali che se da una parte,  ha ricevuto da tutti i consigli Comunali della Valdelsa, l’affidamento per la gestione e il coordinamento dei servizi sociali per il periodo dal 2012 al 31-12-2017, deve dall’altra   ricevere precise  garanzie sulla sostenibilità economico finanziaria,  da parte della Regione.

Non dimentichiamo che questo strumento gestionale potrebbe avere grandi potenzialità per implementare la propria attività anche in contesti , prossimi a quelli sociosanitari favorendo cosi i processi di integrazione  dei servizi comunali.

Su tutto emerge inoltre  il tema della governance di tali processi e del ruolo effettivo, concreto ed incisivo della Conferenza dei Sindaci nel momento in cui si supera il modello delle Società delle Salute. ***

Altro elemento importante che il PD vuole portare all’attenzione di questa adunanza,   è la questione dell’Emergenza - Urgenza e della rete del soccorso 118, dove probabilmente si pensa di centralizzare, efficientare, ma c’è da chiedersi come si può garantire interventi rapidi in un territorio come il nostro caratterizzato da zone di campagna fortemente antropizzate, con flussi turistici notevoli e dove esistono compartecipazioni tra gli enti locali per la gestione del servizio.

Ci sono infatti zone nei comuni di  Radicondoli  e Casole d’Elsa,  con distanze e tempi di percorrenza notevoli rispetto  alla centralità dei Capoluoghi di Colle Val d’elsa e Poggibonsi.

 Ci sono poi strutture ancora incomplete nel quadro dei contenitori socio sanitari.

 Resta ad esempio da completare la ristrutturazione e ammodernamento dell’ ex Ospedale di Santa Fina a Sangimignano, per il quale la Regione aveva  già garantito il suo impegno finanziario e per la quale auspichiamo una pronta risposta,  attraverso la rapida sottoscrizione dell’Accordo di Programma.***

Concludiamo dicendo che come PD della Valdelsa pensiamo che il processo intrapreso di riorganizzazione del Servizio Sanitario in Toscana,  debba seguire  un percorso di confronto e di condivisione,  tra le istituzioni , le organizzazioni sindacali, le associazioni di volontariato e tutti gli operatori coinvolti,  per trovare la sintesi che consenta il mantenimento della qualità del servizio e la sostenibilità economica .

Considerando  però la delicatezza di quello che stiamo riformando, che rappresenta anche  uno dei cardini  sanciti anche dalla Costituzione Italiana e cioè il diritto alla salute dei cittadini.

Grazie dell’attenzione e buon lavoro.

PD VALDELSA

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Gennaio 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Categorie

Archivi

LINK

Meta