Guicciardini: ”Useremo la forza delle idee per il rinnovamento del Pd e della politica”

Inserito da casoledelsa il 28 Giugno 2012

“Per essere credibili dobbiamo essere uniti. Mi farò carico, insieme a voi, di ricostruire l’unità del Partito democratico, puntando al suo rinnovamento, alla sua apertura e alla valorizzazione di tutti i punti di vista. Io sarò il segretario di tutto il Pd, non di una parte, non di una corrente”. E’ stato questo uno dei passaggi più “caldi” della relazione di Niccolò Guicciardini, eletto ieri, mercoledì 27 giugno segretario del Partito democratico senese da il 96,38% dei voti dell’assemblea.

Un Pd plurale e libero “Il Partito democratico – ha detto Guicciardini – è una forza plurale, libera, nella quale per entrare non serve una presentazione o una raccomandazione, né avere un pedigree. Un partito dove uno come me, che non ha nessuno in famiglia che fa politica e che è arrivato ad iscriversi a venti anni senza conoscere nessuno, può candidarsi alla segretaria provinciale. E’ il partito dove chi condivide insieme a noi idee e valori può entrare e può sentirsi come a casa, dando il suo contributo. Un partito, dove chi pensa di entrarvi per arricchirsi anche solo di un centesimo allora può starne fuori. Un partito che non guarda di chi sei amico, ma a quello che fai, che hai fatto e che vuoi fare”.

Un partito autonomo per poter affrontare grandi sfide “La nostra forza - ha continuato Guicciardini - non ha un nome e un cognome, ma sta nei nostri iscritti, sostenitori, nei volontari. Servono progetti e non solisti per questo partito, per questo la mia candidatura la leggo come un mettermi al servizio di tutti voi. Il Pd dovrà essere un partito ‘fresco’, capace di avanzare proposte concrete e di saperle comunicare in modo chiaro ed efficace. Dovrà essere un partito autonomo, in grado di prendersi le proprie responsabilità senza vincoli. Personalmente sarò sempre disponibile al confronto con tutti, con le associazioni, i sindacati, con ogni singola persona, ma custodendo, sempre, con gelosia, la mia e la nostra autonomia. E l’autonomia si costruisce solo con la capacità di avere un partito forte, che faccia proposte e sappia metterle in pratica, a maggior ragione in una fase di crisi straordinaria come questa”.
Il coraggio di scommettere contro la paura di sbagliare “Sono consapevole – ha detto Guicciardini - della complessità dei temi che dovremo affrontare, ma sono certo che dobbiamo far vincere il coraggio sulla paura di sbagliare. Preferisco fare un errore di percorso piuttosto che stare fermo per paura di cadere in fallo. Il Pd ha il dovere di dare delle risposte. Dobbiamo essere responsabili verso noi stessi e, in particolare, verso le giovani generazioni, che scontano sulla propria pelle gli errori di una parte della politica e della classe dirigente di questo paese negli ultimi trent’anni. Io non sono un rottamatore e non penso che la questione generazionale si risolve assecondando i percorsi individuali di qualcuno. Mi sento però, insieme ad una generazione intera, un rottamatore determinato di un certo modo di fare politica che o cambia o va combattuto. Il rinnovamento si fa così: con la forza delle idee e cambiando il modo di far politica”.

Una riflessione sul Pd partendo dalla crisi politica nel Comune di Siena “La democrazia interna di un partito – ha sottolineato Guicciardini - si pratica quando le regole sono uguali e chiare per tutti. La vicenda di Siena ci ha consegnato, tra le tante, una riflessione sul nostro essere partito. Sulle questioni è bene discutere, dividersi se necessario, battersi per far valere le proprie posizioni. Le armi a disposizione sono molte: la discussione negli organismi, nell’esecutivo, nel gruppo consiliare e tra gli iscritti. Ma c’è un’arma che non può essere disponibile: quella di far cadere un’Amministrazione ed un sindaco che, grazie all’impegno di tanti e alla fiducia dei cittadini, abbiamo eletto. Nel Pd questa opzione non è disponibile, perché abbiamo il dovere di essere una forza affidabile, stabile e che ha cultura di Governo. Le regole servono, invece, a tutelare ciascun iscritto a questo partito e non un singolo . Nel partito siamo tutti uguali e, se qualcuno si sente al di sopra degli altri o ritiene di poter appiccicare etichette a piacimento, si sbaglia di grosso”.

Tre passi nel futuro
Si è conclusa con tre “auspici” per il futuro la relazione di Niccolò Guicciardini “Il primo – ha detto il neosegretario democratico – è quello di riuscire ad interpretare al meglio la grande responsabilità storica che abbiamo. Il Pd, infatti, ha il compito di rappresentare una parte di questo Paese e la missione di difendere e rilanciare la nostra democrazia. Le situazioni di crisi strutturale possono generare ‘mostri’ e noi, che siamo uno straordinario baluardo democratico, dobbiamo vivere questa fase con un ‘supplemento di responsabilità’. Il secondo auspicio è quello di trovare, insieme e al più presto, ulteriori formule di coinvolgimento dei nostri iscritti, ma anche di tutti coloro che simpatizzano o che vogliono avvicinarsi al Pd. Il terzo è che tutti i democratici senesi partecipino sempre più attivamente alla vita del Partito mettendoci le idee e la faccia. Solo così possiamo ricostruire. Solo così possiamo dare una risposta alla vecchia politica”.

Categoria: Informazioni | 1 Commento »

 

NICCOLO’ GIUCCIARDINI IL NOSTRO NUOVO SEGRETARIO PROVINCIALE

Inserito da casoledelsa il 28 Giugno 2012

Ieri sera l’Assemblea territoriale ha eletto con il 96,38 % Niccolò Guicciardini come nuovo segretario provinciale del Partito democratico di Siena.

Niccoló ha solo 28 anni ma ha già contagiato tutti con la sua la sua passione e la sua tensione ideale.

Con Niccolò il Pd senese accelera il suo percorso di rinnovamento e fa un ulteriore passo avanti nella direzione del cambiamento, anche se lo stesso Niccolò ammette giustamente che non basta mettere un giovane alla guida di un organismo per rinnovarne i contenuti.

Ma Niccolo’ e’ consapevole e non nega i problemi, così come è consapevole di quante opportunita’ purtroppo abbiamo sprecato, eppure bisogna ripartire valorizzando i nostri punti di forza.

“Il Pd deve andare avanti, decidendo con attenzione come muoversi, sulla base di ciò che accade intorno a noi e soprattutto nella società. La consapevolezza dei nostri limiti non deve farci arrendere, anzi, deve darci la forza di fare di più” questo è quanto ci ha detto nella sua relazione .

Da Casole in molti lo avevamo sostenuto, oltre ai quattro delegati all’assemblea territoriale ( insieme a me Bruno Melani Valentina Feti e Mario Batoni) anche molti degli iscritti dei circoli del nostro Comune .

Ora più che mai la politica ha bisogno delle sue forze migliori e noi con la sua elezioni , sono certa, abbiamo fatto la scelta migliore!! … In bocca al lupo e buon lavoro.

CLAUDIA RUMACHELLA

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Bezzini e Scarpelli su Pramac: “Apprezzamento per la soluzione che si sta profilando sul futuro dell’azienda”

Inserito da casoledelsa il 27 Giugno 2012

“Valutiamo con favore che la crisi di Pramac stia andando verso una soluzione positiva, tesa alla prosecuzione dell’attività e al mantenimento di tutti i posti di lavoro del punto produttivo di Casole d’Elsa. La concretizzazione del nuovo scenario, che prevede l’ingresso di una società facente capo al gruppo tedesco Prettl, rappresenta una soluzione che salvaguarda l’occupazione e i settori di produzione dalle performance positive, localizzati presso gli stabilimenti Pramac di Casole”. E’ il primo commento del presidente della Provincia di Siena, Simone Bezzini, e dell’assessore alle attività produttive, Tiziano Scarpelli in merito alle novità che si stanno profilando sul futuro dell’azienda produttrice di gruppi elettrogeni e macchinari per la movimentazione logistica, che il 23 maggio scorso aveva annunciato la messa in liquidazione per effetto di investimenti effettuati nel settore del fotovoltaico.

“La Provincia di Siena - aggiungono Bezzini e Scarpelli - continuerà a seguire con grandissima attenzione gli sviluppi della vicenda, facendo la propria parte per sostenere il mantenimento di un punto produttivo strategico per il manifatturiero toscano, che ha portato innovazione e occupazione di qualità sul territorio. Continueremo, per questo, ad essere a disposizione per tutti i passaggi futuri in cui sarà utile il coinvolgimento delle istituzioni, a tutela dei 230 dipendenti occupati nello stabilimento valdelsano e dell’indotto, che rappresenta un valore aggiunto insostituibile per l’azienda”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

RISISTEMAZIONE DELLA PISTA RIVELLINO

Inserito da casoledelsa il 24 Giugno 2012


 

È con grande piacere ed orgoglio che il Pd di Casole annuncia il rifacimento della Pista Rivellino.

La storica  e suggestiva pista adiacente al palazzo comunale , dalla quale si gode di un panorama meraviglioso, che spazia da Radicondoli a Mensano, dalle Carline a Berignone.

Sono ormai  circa due mesi che alcuni componenti del Partito Democratico di Casole stanno spendendo le loro energie per la messa in sicurezza di alcune parti della pista, danneggiate nello scorso inverno dalle intemperie.

Inoltre, tra le altre cose, sono stati fatti interventi per abbattere le barriere architettoniche,  favorendo in tal modo l’accesso alla pista da  parte di tutti .

In tal modo il partito intende valorizzare e rimodernare un  patrimonio storico che è sempre stato protagonista nelle passate estati casolesi.

La pista in uso già dallo scorso sabato, sarà concessa a tutte le associazioni del territorio che vorranno usufruirne per feste, iniziative varie, raccolta fondi  e quant’altro.

Il partito ringrazia tutti coloro che stanno dimostrando impegno e  dedizione nel portare avanti questo progetto di rinnovamento e adeguamento della Pista Rivellino.  Un ringraziamento speciale va al circolo Pd di Mensano ed all’ Immobiliare La Quercia, che  hanno sostenuto economicamente l’intervento di risistemazione.

 

 

                                                                                Partito Democratico di Casole

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Grazie a Elisa Meloni, ora si apra una fase nuova con una guida stabile

Inserito da casoledelsa il 21 Giugno 2012

“Un sentito grazie al segretario provinciale, Elisa Meloni per l’impegno profuso in questi anni al servizio del nostro partito e per la dedizione con la quale, assieme all’impegno dei territori, del gruppo dirigente diffuso e provinciale e degli amministratori, ha affrontato le sfide di questi anni così difficili”. Inizia così il documento approvato ieri mercoledì 20 giugno dall’assemblea provinciale del Partito democratico che ha preso atto delle dimissioni, legate a motivi personali e di salute presentate da Elisa Meloni e ha convocato una nuova riunione per mercoledì 27 giugno. In quell’occasione l’assemblea eleggerà il nuovo segretario provinciale.

“Da oggi – affermano i democratici senesi – per il Pd si apre una nuova fase, nella quale il partito dovrà lavorare, ancora di più, per rafforzare la propria la capacità di governo, le relazioni con i cittadini, il suo radicamento e il pluralismo interno, dimostrando di essere all’altezza del momento difficile che vivono il Paese e il nostro territorio. Ogni giorno, dovremo dare prova del nostro senso di responsabilità e dello spirito di servizio che deve animare tutti coloro che rappresentano il Pd a tutti i livelli”.

Una stagione vecchia da consegnare al passato. “Sono da consegnare al passato, con un giudizio di netta condanna politica, i comportamenti degli ex consiglieri comunali che, con la loro condotta, hanno determinato la caduta dell’amministrazione comunale guidata dal Sindaco, Franco Ceccuzzi e consegnato la città al commissario. Un danno gravissimo che ricade su tutta la provincia e che segna uno spartiacque nella vita interna del partito e nella selezione dei gruppi dirigenti. Per questo motivo auspichiamo che gli organi competenti provvedano a chiudere, quanto prima, il procedimento aperto nei confronti dei sette ex consiglieri comunali. Così come sono da condannare coloro che hanno esercitato pienamente la leadership di un gruppo interno, legato ad interessi particolari e a logiche ormai superate”.

Subito al lavoro per eleggere il segretario. “La linea di cambiamento impressa dall’Amministrazione Comunale guidata da Ceccuzzi – dicono i democratici – in sintonia con il Presidente della Provincia Simone Bezzini, rappresenta un punto di riferimento cristallino per il futuro e per tracciare un nuovo percorso che garantisca a Siena e alla sua provincia i risultati che meritano, in termini di qualità della vita, servizi, opportunità economiche, sociali e culturali. Per questo c’è bisogno di mettersi subito al lavoro e dare al Pd senese, nel più breve tempo possibile, una guida e una stabilità. La particolare fase storica che stiamo attraversando rende fondamentale individuare con rapidità la figura del Segretario Provinciale. A questo proposito, così come previsto anche dallo Statuto del Pd, riteniamo che l’organismo in cui eleggere il nuovo Segretario sia l’assemblea provinciale”.

Le priorità del nuovo segretario provinciale. “Il nuovo Segretario dovrà ripartire da un confronto profondo con tutte le realtà territoriali della nostra Provincia, dando pari dignità ad ogni area geografica e ad ogni singola Unione Comunale. Sarà infatti dal confronto continuo con il territorio, gli iscritti, i circoli e i cittadini che dovrà ripartire la nostra azione politica, stando sui principali temi e fornendo indirizzi chiari agli amministratori. Per farlo c’è bisogno che il nuovo Segretario lavori in completa autonomia e costruisca, al suo fianco, una squadra forte basata sul merito e la competenza e non sulle appartenenze politiche”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Modalità di elezione del nuovo segretario, si riunisce l’assemblea del Pd

Inserito da casoledelsa il 19 Giugno 2012

Il Partito democratico di Siena si riunisce per discutere in merito al suo futuro e per confrontarsi sulle modalità di elezione del nuovo segretario provinciale. L’assemblea, con oltre 400 componenti, sarà convocata per mercoledì 20 giugno, alle ore 17.30, presso l’Auditorium della Confesercenti, sulla Strada statale 73 Levante, 10 a Siena. L’incontro sarà l’occasione per prendere atto delle dimissioni annunciate dal segretario provinciale, Elisa Meloni alla scorsa direzione democratica.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

iniziativa sulla sanità e in particolare sulla questione dell’Ospedale Monoblocco di Campostaggia- venerdì 22 giugno alle ore 21 presso la sala “La Ginestra” (Via Trento - Poggibonsi).

Inserito da casoledelsa il 19 Giugno 2012

VENERDI 22 GIUGNO 2012
Ore 21
Presso il locale “La Ginestra”(g.c.) POGGIBONSI

Apertura lavori:
MARCO ANTONELLI - Coord. Zona P.D. Valdelsa
LUCIA COCCHERI – Presidente Conferenza Sindaci Provinciale e Sindaco di Poggibonsi
PIER LUIGI MARRUCCI – Responsabile Commissione Sanità Valdelsa
LORENZO AVANZATI – Responsabile Provinciale della Sanità
Hanno assicurato la loro partecipazione: Cenni Susanna (Parlamentare P.D.), Spinelli Marco e Pugnalini Rosanna (Consiglieri Regionali P.D.), Rossi Andrea (Sindaco Comune di Montepulciano), Bassi Giacomo (Sindaco Comune di San Gimignano), Brogioni Paolo (Sindaco Comune di Colle Val d’Elsa), Bravi Emiliano (Sindaco Comune di Radicondoli), Valentini Bruno (Sindaco Comune di Monteriggioni), Cavicchioli Claudio (Capogruppo P.D. Comune di Casole d’Elsa).
Durante l’incontro vi sarà spazio per i Vostri graditi interventi e per i contributi dei cittadini presenti.
La manifestazione si concluderà con l’intervento di
MARCO RUGGERI Responsabile Regionale P.D. sulla Sanità

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

MONTECITORIO: ALLA CAMERA DECRETO ANTICORRUZIONE

Inserito da casoledelsa il 13 Giugno 2012

 Governo incassa la prima fiducia
Non saranno eleggibili coloro che hanno una condanna definitiva. Il sì dai partiti della maggioranza. Contrari Idv e Lega. L’astensione di Futuro e Libertà. Entro un anno le norme dal governo. Fli e Idv: “Così le nuove norme saranno applicabili solo nel 2018″. La replica del Pd: “Se il governo eserciterà nei tempi la legge delega, possibile già nel 2013″. Pdl: “Modifiche al Senato”

- A Montecitorio è in corso il voto sul ddl anti corruzione. E il governo di Mario Monti incassa il primo dei tre voti di fiducia richiesti. Approvato l’articolo 10, con 461 sì, 75 no e 7 astenuti. Ora restano da approvare il 13 e il 14. Hanno votato sì Pdl, Pd, Udc, Popolo e Territorio. Contro l’idv e la lega. Fli non ha partecipato.

Le norme. L’articolo 10, che ricalca il testo uscito dalla commissioni Affari Costituzionali e Giustizia, stabilisce che il governo è delegato ad adottare, entro un anno, un decreto legislativo recante un testo unico della normativa in materia di incandidabilità alla carica di membro del Parlamento Europeo, di deputato e di senatore della Repubblica. Inoltre, l’esecutivo dovrà affrontare l’incandidabilità alle elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali e il divieto di ricoprire le cariche di presidente e di componente del consiglio di amministrazione dei consorzi, di presidente e di componente dei consigli e delle giunte delle unioni di comuni, di consigliere di amministrazione e di presidente delle aziende speciali, di presidente e di componente degli organi esecutivi delle comunità montane.

Non eletti solo coloro che hanno una condanna definitiva. Le condanne per la incandidabilità dovranno essere passate in giudicato, vale a dire che non potranno essere eletti solo coloro che hanno avuto una condanna definitiva. Il divieto riguarda reati gravi come quelli di mafia e quelli contro la pubblica amministrazione (concussione, corruzione). Per gli altri reati le condanne previste sono quelle oltre i tre anni. Ieri, il ministro alla Pubblica Amministrazione, Filippo Patroni Griffi aveva annunciato che la delega sarebbe stata abbassata a 9 mesi per tentare una mediazione sulla proposta di 6 mesi a cui il pdl si era detto contrario. Alla fine però la fiducia ha ricalcato il testo commissioni e quindi la delega è rimasta a un anno. Per Fli e Idv, così le nuove norme non si applicheranno alle prossime elezioni nel 2013 ma scatteranno dal 2018. La replica del Pd: “L’incandidabilità in conseguenza di sentenze definitive di condanna può essere applicata già alle prossime elezioni politiche del 2013 se il governo eserciterà, come è sicuramente possibile, la delega in tempo utile”. Lo dicono Oriano Giovanelli e Donatella Ferranti, del gruppo Pd.

Il Pdl: “Modifiche al Senato”. “Come avrò modo di dire nella dichiarazione di voto di domani, è auspicabile che al Senato questo disegno di legge abbia alcune modifiche”. Questa la posizione di Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Popolo delle Libertà a Montecitorio. “In primo luogo per quello che riguarda il traffico di influenza perchè esso rischia di dare ai pubblici ministeri una discrezionalità del tutto eccessiva”.
(13 giugno 2012)

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

IL MIO GRAZIE A ELISA

Inserito da casoledelsa il 11 Giugno 2012

Qualche volta è più difficile decidere di andarsene che scegliere di restare.

Questo è quello che credo abbia provato Elisa e questo è quello che gran parte delle persone che erano presenti l’altra sera alla direzione hanno percepito mentre ci leggeva con le lacrime agli occhi il suo “dolce arrivederci”.

Una scelta difficile ma che racchiude in sé tutta la responsabilità che l’ha contraddistinta in questi anni.

Elisa è stata per me la prima segretaria provinciale, forse perché la prima, forse perché tra donne ci si capisce meglio, non lo so, ma in lei ho sempre rivisto oltre che un grande senso politico anche un grande senso umano e per una persona che come me si approcciava al mondo politico è stato determinante.

E’ sicuramente gratificante sapere che qualcuno credo in te e ammetto che spesso questo è stato anche decisivo in alcune mie scelte.

E quindi oggi, non solo per retorica, ma per l’apporto che ha dato che mi sento di doverla ringraziare pubblicamente.

E mi sento, inoltre, di doverla ringraziare anche perché pur prendendo una decisione faticosa e in un momento così difficile per la politica e per la nostra provincia lo ha fatto giustamente prima di tutto per se stessa, ma indirettamente anche per il partito tutto.

Sono certa, però, che nel suo percorso sia riuscita a “tirar su” persone valide che sapranno proseguire al meglio la strada.

claudia Rumachella

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Direzione provinciale Pd: “Dal Pd di Siena un nuovo progetto di crescita per il territorio”

Inserito da casoledelsa il 11 Giugno 2012

Il documento della direzione provinciale: “Il rinnovamento non si fermerà”

“Dal Pd di Siena un nuovo progetto di crescita per il territorio”

“Grave il voto contrario di sette consiglieri comunali, non smentita l’esistenza di una mozione di sfiducia”

“Il Partito democratico di Siena in questo momento deve rilanciare una forte attività politica che dia a tutto il territorio un nuovo progetto di crescita. Per fare ciò, abbiamo bisogno di un partito rinnovato, forte e coeso, fatto di persone che si riconoscono e incarnano i valori fondanti del Partito democratico”. Inizia così il documento del Pd provinciale approvato quasi all’unanimità dalla direzione di ieri, venerdì 8 giugno.

“Durante l’ultimo consiglio comunale di Siena – si legge ancora nel documento – sette consiglieri del nostro partito hanno votato per l’ennesima volta contro la maggioranza elettorale uscita dalle urne. Un fatto estremamente grave, soprattutto alla luce di un voto contrario a quella manovra di assestamento di bilancio portata avanti con lungimiranza dal sindaco Franco Ceccuzzi e dalla giunta comunale, con la quale sarebbero stati messi in sicurezza posti di lavoro e servizi sociali fondamentali per la vita dei cittadini senesi. La direzione provinciale esprime la propria vicinanza e sostegno al sindaco di Siena, Franco Ceccuzzi, apprezzandone la coerenza, il coraggio, lo spirito di servizio e un disinteresse non comune di questi tempi nello svolgimento di un lavoro per la città portato avanti grazie anche a quei membri della giunta comunale e del nostro gruppo consiliare a Siena che hanno interpretato e sostenuto al meglio il mandato elettorale assegnato dai cittadini. La direzione apprezza e condivide, inoltre, il lavoro svolto in questi mesi dal capogruppo Massimo Bianchi, dal partito di Siena e dal segretario dell’Unione comunale di Siena, Giulio Carli”.

“La direzione provinciale del Pd di Siena – prosegue il documento – considera irreversibile il percorso di serietà amministrativa e discontinuità volto a trasformare il Comune in un luogo aperto e centrale nella vita di Siena. Un lavoro che la nostra direzione apporova e ritiene necessario proiettare nel futuro. I consiglieri comunali Giovanni Bazzini, Anna Gioia, Luca Guideri, Giancarlo Meacci, Lucio Pace, Alessandro Piccini e Gianluca Ranieri, con la loro azione, hanno portato al commissariamento del Comune, privando Siena e tutto il territorio di un’essenziale guida istituzionale e politica forte e autorevole. La loro azione ha calpestato l’interesse generale della comunità senese in nome di questioni particolari e ha cercato, senza successo, di ribaltare la realtà dei fatti trincerandosi dietro deboli tecnicismi, mettendo, così, a rischio importanti progetti di crescita e numerosi servizi essenziali per i cittadini e per tutto il territorio. Non è stata, inoltre, smentita in nessun modo, da parte dei consiglieri, l’esistenza di una mozione di sfiducia da loro promossa e firmata insieme alle opposizioni contro il sindaco di Siena. L’esistenza di tale mozione è stata, inoltre, confermata in sede di Consiglio Comunale da un consigliere delle liste civiche, senza, ancora una volta, trovare alcuna smentita”.

“Queste persone – si legge ancora nel documento – hanno cercato di fermare quel cambiamento e quella discontinuità perfettamente incarnati dall’azione del sindaco Franco Ceccuzzi, richiesta dai cittadini, prevista dal programma del centrosinistra e necessaria per affrontare la difficile situazione sociale ed economica che si trova ad attraversare Siena, come del resto tutto il nostro Paese. Quello dei sette consiglieri, quindi, rappresenta un modo di fare politica incompatibile con la nostra organizzazione e con i valori fondanti del Partito democratico. Per questo motivo, ribadendo la nostra piena fiducia negli organismi di garanzia competenti, la direzione ritiene che queste persone non siano conciliabili con ruoli di rappresentanza politica per il Pd e non possano più rappresentare il nostro partito in istituzioni e liste elettorali, allontanandosi dal progetto politico del Partito democratico. Per questo, la direzione provinciale auspica una rapida decisione degli organismi di garanzia a partire dalla richiesta di sospensione cautelare dagli incarichi di partito, come richiesto dall’esposto presentato dai segretari regionale, provinciale e comunale e dal capogruppo del Pd in Consiglio Comunale a Siena, su mandato della direzione provinciale del 20 maggio scorso”.

“Nonostante i numerosi inviti – continua il documento – e le diverse sollecitazioni della scorsa direzione provinciale, il presidente del consiglio regionale della Toscana, Alberto Monaci, non ha mai preso le distanze dall’azione portata avanti dai consiglieri in questione e ha marcato una leadership verso questo gruppo di persone sostenendo, dall’alto del suo ruolo istituzionale, il loro comportamento anche nelle stesse ore in cui si stava svolgendo il consiglio comunale di Siena. La direzione ritiene gravissimo un tale comportamento e chiede al Pd toscano e al gruppo del Pd in Regione di aprire le opportune riflessioni rispetto al ruolo di Alberto Monaci nel Consiglio Regionale della Toscana. È per questo che la direzione esprime un forte apprezzamento e una totale condivisione per la relazione del presidente Simone Bezzini che, nello scorso consiglio provinciale, ha toccato in modo estremamente lucido e puntuale gli obiettivi fondamentali da perseguire”.

“La relazione del presidente Simone Bezzini – conclude il documento – getta le basi per un cambio di passo e una riflessione importante sulla riforma dello Statuto della Fondazione e sul concetto di controllo, partendo da un’analisi delle criticità del passato e parlando dei primi segnali di rinnovamento avvenuti anche attraverso le scelte sul consiglio di amministrazione di Banca Mps prese a maggioranza dalla Fondazione Mps, nonostante il parere contrario del presidente Gabriello Mancini, che, in Fondazione dall’inizio degli anni Duemila e presidente dal 2006, ha partecipato e governato in prima persona le scelte degli ultimi dieci anni. Una decisione che, di fatto, porta il presidente della Fondazione a non poter più rappresentare la nuova pagina della storia senese. È per questo che chiediamo al presidente un atto di responsabilità, prendendo coscienza della nuova fase appena inaugurata e in forte evoluzione e cambiamento. In questo contesto, la direzione ritiene grave l’azione di due consiglieri del Pd in consiglio provinciale che si sono astenuti sul voto alla relazione del Presidente, il quale sta portando avanti con forza una fase di cambiamento per la Provincia di Siena. La direzione provinciale, appreso della volontà del segretario provinciale Elisa Meloni di dimettersi dal suo incarico, vuole esprimere il più sentito ringraziamento per lo spirito di servizio e la passione politica dimostrati in questi anni, certamente non facili, per il nostro Paese e per le nostre comunità”.

“Il Partito democratico di Siena in questo momento deve rilanciare una forte attività politica che dia a tutto il territorio un nuovo progetto di crescita. Per fare ciò, abbiamo bisogno di un partito rinnovato, forte e coeso, fatto di persone che si riconoscono e incarnano i valori fondanti del Partito democratico”. Inizia così il documento del Pd provinciale approvato quasi all’unanimità dalla direzione di ieri, venerdì 8 giugno.
“Durante l’ultimo consiglio comunale di Siena – si legge ancora nel documento – sette consiglieri del nostro partito hanno votato per l’ennesima volta contro la maggioranza elettorale uscita dalle urne. Un fatto estremamente grave, soprattutto alla luce di un voto contrario a quella manovra di assestamento di bilancio portata avanti con lungimiranza dal sindaco Franco Ceccuzzi e dalla giunta comunale, con la quale sarebbero stati messi in sicurezza posti di lavoro e servizi sociali fondamentali per la vita dei cittadini senesi. La direzione provinciale esprime la propria vicinanza e sostegno al sindaco di Siena, Franco Ceccuzzi, apprezzandone la coerenza, il coraggio, lo spirito di servizio e un disinteresse non comune di questi tempi nello svolgimento di un lavoro per la città portato avanti grazie anche a quei membri della giunta comunale e del nostro gruppo consiliare a Siena che hanno interpretato e sostenuto al meglio il mandato elettorale assegnato dai cittadini. La direzione apprezza e condivide, inoltre, il lavoro svolto in questi mesi dal capogruppo Massimo Bianchi, dal partito di Siena e dal segretario dell’Unione comunale di Siena, Giulio Carli”.
“La direzione provinciale del Pd di Siena – prosegue il documento – considera irreversibile il percorso di serietà amministrativa e discontinuità volto a trasformare il Comune in un luogo aperto e centrale nella vita di Siena. Un lavoro che la nostra direzione apporova e ritiene necessario proiettare nel futuro. I consiglieri comunali Giovanni Bazzini, Anna Gioia, Luca Guideri, Giancarlo Meacci, Lucio Pace, Alessandro Piccini e Gianluca Ranieri, con la loro azione, hanno portato al commissariamento del Comune, privando Siena e tutto il territorio di un’essenziale guida istituzionale e politica forte e autorevole. La loro azione ha calpestato l’interesse generale della comunità senese in nome di questioni particolari e ha cercato, senza successo, di ribaltare la realtà dei fatti trincerandosi dietro deboli tecnicismi, mettendo, così, a rischio importanti progetti di crescita e numerosi servizi essenziali per i cittadini e per tutto il territorio. Non è stata, inoltre, smentita in nessun modo, da parte dei consiglieri, l’esistenza di una mozione di sfiducia da loro promossa e firmata insieme alle opposizioni contro il sindaco di Siena. L’esistenza di tale mozione è stata, inoltre, confermata in sede di Consiglio Comunale da un consigliere delle liste civiche, senza, ancora una volta, trovare alcuna smentita”.
“Queste persone – si legge ancora nel documento – hanno cercato di fermare quel cambiamento e quella discontinuità perfettamente incarnati dall’azione del sindaco Franco Ceccuzzi, richiesta dai cittadini, prevista dal programma del centrosinistra e necessaria per affrontare la difficile situazione sociale ed economica che si trova ad attraversare Siena, come del resto tutto il nostro Paese. Quello dei sette consiglieri, quindi, rappresenta un modo di fare politica incompatibile con la nostra organizzazione e con i valori fondanti del Partito democratico. Per questo motivo, ribadendo la nostra piena fiducia negli organismi di garanzia competenti, la direzione ritiene che queste persone non siano conciliabili con ruoli di rappresentanza politica per il Pd e non possano più rappresentare il nostro partito in istituzioni e liste elettorali, allontanandosi dal progetto politico del Partito democratico. Per questo, la direzione provinciale auspica una rapida decisione degli organismi di garanzia a partire dalla richiesta di sospensione cautelare dagli incarichi di partito, come richiesto dall’esposto presentato dai segretari regionale, provinciale e comunale e dal capogruppo del Pd in Consiglio Comunale a Siena, su mandato della direzione provinciale del 20 maggio scorso”.
“Nonostante i numerosi inviti – continua il documento – e le diverse sollecitazioni della scorsa direzione provinciale, il presidente del consiglio regionale della Toscana, Alberto Monaci, non ha mai preso le distanze dall’azione portata avanti dai consiglieri in questione e ha marcato una leadership verso questo gruppo di persone sostenendo, dall’alto del suo ruolo istituzionale, il loro comportamento anche nelle stesse ore in cui si stava svolgendo il consiglio comunale di Siena. La direzione ritiene gravissimo un tale comportamento e chiede al Pd toscano e al gruppo del Pd in Regione di aprire le opportune riflessioni rispetto al ruolo di Alberto Monaci nel Consiglio Regionale della Toscana. È per questo che la direzione esprime un forte apprezzamento e una totale condivisione per la relazione del presidente Simone Bezzini che, nello scorso consiglio provinciale, ha toccato in modo estremamente lucido e puntuale gli obiettivi fondamentali da perseguire”.
“La relazione del presidente Simone Bezzini – conclude il documento – getta le basi per un cambio di passo e una riflessione importante sulla riforma dello Statuto della Fondazione e sul concetto di controllo, partendo da un’analisi delle criticità del passato e parlando dei primi segnali di rinnovamento avvenuti anche attraverso le scelte sul consiglio di amministrazione di Banca Mps prese a maggioranza dalla Fondazione Mps, nonostante il parere contrario del presidente Gabriello Mancini, che, in Fondazione dall’inizio degli anni Duemila e presidente dal 2006, ha partecipato e governato in prima persona le scelte degli ultimi dieci anni. Una decisione che, di fatto, porta il presidente della Fondazione a non poter più rappresentare la nuova pagina della storia senese. È per questo che chiediamo al presidente un atto di responsabilità, prendendo coscienza della nuova fase appena inaugurata e in forte evoluzione e cambiamento. In questo contesto, la direzione ritiene grave l’azione di due consiglieri del Pd in consiglio provinciale che si sono astenuti sul voto alla relazione del Presidente, il quale sta portando avanti con forza una fase di cambiamento per la Provincia di Siena. La direzione provinciale, appreso della volontà del segretario provinciale Elisa Meloni di dimettersi dal suo incarico, vuole esprimere il più sentito ringraziamento per lo spirito di servizio e la passione politica dimostrati in questi anni, certamente non facili, per il nostro Paese e per le nostre comunità”.

Categoria: Informazioni | 1 Commento »

 

« Older Entries

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Giugno 2012
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Categorie

Archivi

LINK

Meta