La Cgil rompe gli indugi e annuncia lo sciopero generale.

Inserito da casoledelsa il 31 Agosto 2011

La segreteria confederale del sindacato lo ha indetto per martedì 6 settembre:

otto ore per ogni turno “contro e per cambiare la manovra iniqua e sbagliata del governo”.
Cento manifestazioni territoriali accompagneranno lo Sciopero Generale .
Una grande mobilitazione per chiedere l’immediato ritiro di una manovra che “non favorisce la crescita e fa pagare solo ai contribuenti onesti”Così come ha ricordato ieri il segretario nazionale Pier Luigi Bersani, il Pd ha sempre detto la verità, anche quando andava contro corrente, mentre ancora oggi purtroppo il governo non dice la verità.
Ritengo pienamente condivisibile la linea manifestata da Bersani che, anche se non completamente condivisa da tutti, ha proclamato rispetto nei confronti del sindacato.
“Il Partito democratico sta con il “suo” sindacato. Il Partito democratico sarà presente ovunque si criticherà questa manovra. C’è chi sceglie lo sciopero, chi fa assemblea, chi una raccolta di firme… Io dico: ognuno scelga in autonomia la forma che vuole, il Pd sarà presente in tutti i luoghi, sciopero o quant’altro, organizzati da chi vuol chiedere più equità e crescita nella manovra, correggendola”.
Insomma, il Pd Nazionale non può e non vuole aderire con un suo documento ufficiale allo sciopero della Cgil ma è giusto che sia nelle 100 piazze d’Italia sotto le bandiere rosse del primo sindacato italiano e anche gli esponenti del PD di Casole ci saranno.
L’invito quindi è quello di una adesione massiccia sia allo sciopero che alla Manifestazione che a Siena avrà il seguente orario:
ORE 9:00 RITROVO IN PIAZZA DELLA LIZZA
ORE 9:30 PARTENZA CORTEO
ORE 11:00 INTERVENTI CONCLUSIVI PIAZZA SALIMBENI

 PD CASOLE D’ELSA
Claudia Rumachella

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

SENZA SE E SENZA MA:IL 6 SETTEMBRE SCIOPERO

Inserito da casoledelsa il 31 Agosto 2011

 

Ci sono momenti in cui la realtà dei fatti impone la necessità di schierarsi a favore o contro situazioni che se realizzate rischiano di cambiare, in modo drammatico,le già difficili condizioni di vita di gran parte della popolazione. Questo è senza dubbio uno di quei momenti,e non può esserci per nessuna ragione il benché minimo dubbio del tipo “va bene lo sciopero ma anche recarsi a lavoro”da parte del nostro partito .

Non può passare una manovra iniqua e mortificante messa in essere da un Governo arrogante e squalificato come questo,senza che la si contrasti duramente con la massima determinazione e con tutti i mezzi democratici a disposizione.

Una grande mobilitazione si impone per rispondere alle ridicole falsità di chi continua a dire di non aver messo le mani nelle tasche degli Italiani,certo non in quelle dei soliti noti ma sicuramente in quelle della stragrande maggioranza di cittadini onesti:lavoratori e pensionati che hanno sempre pagato le tasse e che in questo momento cosi’ difficile si aspettavano  un po’ di Giustizia ed Equità nel sostenere sacrifici divenuti necessari non per loro responsabilità ,ma per l’Incapacità di una classe politica che si è sempre rappresentata depositaria di sogni e miracoli e all’ombra della quale si è sviluppata quella parte meno nobile della società Italiana dedita all’evasione  fiscale e alla coltivazione dei propri interessi che mai coincidono con l’interesse generale.

Di fronte a questa manovra che fa precipitare nella paura del futuro ,dal punto di vista socio-economico,milioni di famiglie Italiane e che approfittando di tale stato d’animo,inserisce vigliaccamente la norma che cancella l’ART.18 dello statuto dei lavoratori liberalizzando la possibilità di licenziamento e azzerando di fatto tutti i diritti conquistati con anni di lotte ;per questo e per molto altro ancora io credo che il PD ha il dovere di esserci ,con la massima convinzione, il 6 settembre.

Mario Batoni

Categoria: Informazioni | 1 Commento »

 

TESTAMENTO BIOLOGICO - LETTERA DEL CAPOGRUPPO DEL CENTROSINISTRA AL SINDACO DI CASOLE D’ELSA

Inserito da casoledelsa il 31 Agosto 2011

    

                                                                                           Al Sindaco del Comune di Casole d’Elsa

                                                                                               Dott. Piero Pii

  Oggetto: MOZIONE TESTAMENTO BIOLOGICO

  Considerato che nel Consiglio Comunale  Aperto  tenutosi a Casole d’Elsa il 13 Luglio 2011, con all’ordine del giorno la discussione in merito all’istituzione del registro delle  dichiarazioni di fine vita (testamento biologico)  nel nostro Comune, emerse con chiarezza la volontà  e l’impegno da parte di  tutto il Consiglio Comunale di  promuovere  una campagna di sensibilizzazione sull’argomento per informare  il più ampio numero  di cittadini .

Prendendo atto che a tutt’oggi però, nonostante siano passati già diversi giorni da quella data, non ci risulta nessuna iniziativa intrapresa o programmata  dall’Amministrazione Comunale  o dal Consiglio Comunale, sollecitiamo l’Amministrazione a portare avanti gli impegni presi pubblicamente in quella occasione, invitando il Sindaco a definire tempestivamente un calendario di iniziative o  di incontri per arrivare ad una discussione consiliare definitiva.

In attesa di un pronto riscontro,  porgiamo i più cordiali saluti.

  GRUPPO CENTROSINISTRA PER CASOLE D’ELSA

Claudio Cavicchioli

Categoria: Attività, Consiglio Comunale, GRUPPO CONSILIARE CENTROSINISTRA | 1 Commento »

 

Manovra, PD: “Il governo mantiene il patto con gli evasori ma rompe quello con gli onesti

Inserito da casoledelsa il 30 Agosto 2011

“La giustizia di Arcore e di Bellerio è dunque la seguente: non si può rompere il patto con gli evasori fiscali e gli esportatori illeciti di capitali, ma lo si può rompere con chi è stato tanto fesso da servire il Paese facendo il militare o da studiare e poi riscattare di tasca propria la laurea. Dopo il patto di Arcore, i conti della manovra del governo tornano ancora di meno e le ingiustizie pesano ancora di più”. Questo il commento del Segretario nazionale del Pd, Pier Luigi Bersani, dopo il vertice di Arcore fra Pdl e Lega che ha cambiato il decreto sulla Manovra economica, traghettandola in Senato.

Secondo l’accordo raggiunto,la manovra riguarderà principalmente le pensioni: pagheranno gli uomini nati prima del 1985, che dovranno lavorare da un anno a un anno e mezzo in più per arrivare all’anzianità contributiva necessaria per andare in pensione perché, ai fini dell’anzianità, non vale più il recupero del servizio militare. Quel periodo contribuirà al calcolo per l’ammontare dell’assegno pensionistico, ma non entrerà nel calcolo dell’anzianità contributiva richiesta come requisito per lasciare il lavoro; pagheranno anche i laureati che hanno riscattato il periodo di studi con i propri soldi: anche in questo caso gli anni riscattati varranno ai fini del calcolo sull’ammontare della pensione ma non nel calcolo dell’anzianità contributiva necessaria per poter lasciare il lavoro.
Insomma pagheranno sempre e solo i lavoratori onesti, ancora di più se hanno svolto il servizio militare e sono laureati, una beffa!

Fausto Raciti, Segretario nazionale dei Giovani Democratici, e Michele Grimaldi, Responsabile Saperi dei Gd, hanno voluto commentare indignati, in merito alla scelta del Governo Berlusconi di escludere gli anni relativi al percorso di laurea dal conteggio dell’anzianità per la pensione. “Comprendiamo che la Villa di Arcore, scelta come sede per discutere della manovra finanziaria, non fosse certo il luogo ideale per i ricordare al presidente del Consiglio l’importanza di valori quali il sacrificio, l’impegno, la solidarietà, lo studio, l’eguaglianza delle opportunità - hanno dichiarato ironicamente - . Ma la decisione del Governo di far cassa continuando a colpire le giovani generazioni, pur di non colpire i redditi alti e pur di non far pagare chi non ha pagato mai, rappresenta l’ennesima dimostrazione dell’idea sbagliata e pericolosa che le destre hanno del futuro del nostro Paese. Che per il Centrodestra poter studiare non fosse un diritto ed uno strumento di mobilità sociale, ma un lusso concesso per censo a pochi privilegiati lo aveva già dimostrato la cosiddetta riforma Gelmini. Con le scelte di queste ore Pdl e Lega decidono anche di punire chi già lo ha fatto”.
I due esponenti dei giovani del Pd hanno concluso sottolineando che “mentre tutti i paesi decidono di investire in formazione, innovazione e ricerca per rilanciare l’economia, il governo decide di perseverare negli errori che hanno portato il nostro Paese alla crisi attuale, che non è frutto del caso ma delle politiche sbagliate di questi anni”.

Categoria: Attività, Informazioni | Nessun Commento »

 

TEMPO SCADUTO :MORALITA’ O MORTE

Inserito da casoledelsa il 30 Agosto 2011

TEMPO SCADUTO :MORALITA’ O MORTE

di Mario Batoni

Ho sempre creduto che fare politica stando a sinistra sia semplice ed allo stesso tempo molto impegnativo.
Semplice perche’avendo come obbiettivo primario la tutela del bene comune e dell’interesse pubblico la nostra azione deve svolgersi nell’ambito dell’assoluto rispetto delle regole e nella massima trasparenza;
Impegnativo perchè questo modo di essere richiede quotidianamente la massima coerenza nel rappresentarlo in modo tale che tutti i cittadini possono vederlo.
Detto questo voglio ribadire che LA QUESTIONE MORALE non deve essere rappresentata UNA TANTUM ,la moralità in politica è una pratica giornaliera e continuativa,la moralità non è usufruire della prescrizione dei reati(come Berlusca) la moralita’ ,come ha ricordato il Presidente Napolitano ,è trasparenza,correttezza, onestà nell’amministrare l’interesse pubblico.
L’assenza di valori morali di chiunque ricopra ruoli istituzionali ha conseguenze politiche negative che ricadono sulla collettività:corruzione ,malaffare,degrado istituzionale,ingiustizia sociale ecc. In una democrazia sana il popolo ha il dovere di pretendere che chi lo rappresenta sia al di sopra di ogni sospetto garantendo la massima trasparenza nel suo operato. La moralità individuale degli uomini politici è requisito essenziale per una democrazia sana e moderna.
Se noi vogliamo tentare di riconquistare fiducia e consenso nella società civile non bastano più le parole ma servono fatti,azioni quotidiane,attraverso i quali ricreare un sentimento nuovo(vecchio) che superi quello oggi imperante dell’individualismo e dell’antipolitica e questo,a mio parere,lo si può fare solamente attraverso la fermezza nel condannare le cause che ci hanno portato a questo stato innegabile delle cose. Condanna sia per il passato ,per il presente ma soprattutto per il futuro armandosi di quella virtù che troppo spesso dimentichiamo:UMILTA’.
Umiltà che è sicuramente compresa da chi deve vederci diversi da altri attori politici e che credo dovrebbe essere la nostra BIBBIA. Noi non possiamo allentare la nostra attenzione da questo tema perché se a livello Nazionale l’illegalità ,la corruzione sono state inequivocabilmente fra le cause più importanti che ci hanno condotto all’attuale drammatico momento socio-economico è evidente che noi viviamo la stessa situazione anche a livello territoriale CASOLESE e allora per ritornare ad essere in sintonia con chi stà ancora dalla nostra parte e riconquistare coloro che stanno a guardare non abbiamo che una strada da percorrere: quella dell’etica , della morale e della trasparenza. In assenza di questi valori qualunque idea o programma metteremo in campo non potrà essere alternativo rispetto a chi oggi a Casole come a Roma ci stà portando a spasso sul Titanic.E’ per questo che dobbiamo vigilare e combattere non tanto per essere giustizialisti e poi cosa vuol dire giustizialista? Se vuol dire che vorrei che coloro che non rispettano leggi e regolamenti vengono perseguiti allora si io sono giustizialista con tutti.
Voglio concludere con una frase del Presidente Sandro Pertini
“SE C’E'QUALCUNO CHE DA’ SCANDALO,SE C’E’ QUALCHE UOMO POLITICO CHE APPPROFITTA DELLA POLITICA PER FARE I SUOI SPORCHI INTERESSI,DEVE ESSERE DENUNCIATO”

MARIO BATONI

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

“Norme sui tirocini previste nella manovra non condivisibili”.

Inserito da casoledelsa il 30 Agosto 2011

“Norme sui tirocini previste nella manovra non condivisibili”.

Simoncini scrive al ministro Sacconi.

29-08-2011 NORME TIROCINI TOSCANA |

 «Le disposizioni sui tirocini formativi contenute nella manovra di ferragosto, così come previste non sono accettabili e rischiano di determinare ricadute negative per un loro corretto utilizzo».
Lo afferma l’assessore alle attività produttive, lavoro e formazione Gianfranco Simoncini che, nel suo ruolo di coordinatore degli assessori regionali al lavoro, ha scritto al ministro Maurizio Sacconi, chiedendo un incontro urgente per approfondire la questione prima che termini l’iter parlamentare per la conversione in legge del decreto.
«La Toscana - afferma l’assessore - che ha fatto una battaglia d’avanguardia in merito ai tirocini e ha posto le basi per arrivare a una legge entro l’anno che riconosca loro la funzione primaria di arricchimento delle competenze personali e di orientamento al lavoro evitandone un uso distorto come è avvenuto in questi ultimi due anni, non condivide quanto previsto sull’argomento dal decreto legge del 13 agosto».
L’aver previsto, salvo i casi del disagio sociale, la riduzione dell’uso ai solo neo laureati e neo diplomati e entro un anno dal conseguimento del titolo, è secondo Simoncini «una limitazione eccessiva e sbagliata».
«Peraltro - aggiunge - la manovra del Governo interviene in un ambito che è di competenza esclusiva delle Regioni e sul quale avevamo concordato che si sarebbe definito un documento congiunto tra regioni, parti sociali e governo, oggi del tutto inficiato dall’intervento governativo. Pertanto se non vi saranno modifiche sostanziali al decreto, come Regione Toscana faremo ricorso alla Corte Costituzionale».
Invece di vincoli rispetto al tempo dal raggiungimento del titolo sarebbe più opportuno introdurre un limite di età e un vincolo a sostenere un unico tirocinio formativo da parte del singolo soggetto. «Su questa linea - dice ancora Simoncini - sollecitiamo il governo e le forze politiche ad intervenire per modificare il decreto e per tutelare le competenze regionali, riportando al tavolo congiunto per le linee guida il confronto sui tirocini».
In queste ore e nelle more della discussione in parlamento è stata peraltro emessa una circolare regionale che, richiamando tutti i vincoli introdotti dalla «Carta dei Tirocini della Toscana» concordati con organizzazioni sindacali e associazioni di imprese, fa già presente che ai sensi del decreto 138 i nuovi tirocini dovranno riguardare, come prevede la manovra, esclusivamente neo diplomati e neo laureati entro un anno dal titolo di studio.

 

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

INTERROGAZIONI DEL CENTROSINISTRA PER CASOLE AL CONSIGLIO COMUNALE DEL 5.8.2011

Inserito da casoledelsa il 28 Agosto 2011

INTERROGAZIONE SCRITTA CON RICHIESTA DI RISPOSTA SCRITTA
PREMESSO
Che in data 8 luglio 2011 il GIP di Siena dott.ssa Gaggelli ha formalizzato la richiesta di rinvio a giudizio per tutti i soggetti coinvolti nel procedimento penale relativo alla lottizzazione “Pietralata”.

RILEVATO
Che tra i soggetti rinviati a giudizio risulta anche un dirigente del Comune di Casole D’Elsa
RILEVATO INOLTRE
Che persona offesa nel procedimento penale è anche il Comune di Casole in persona del sindaco pro-tempore.

RITENUTO
Che questo gruppo Consiliare, così come le forze politiche che esso rappresenta, ha sempre dimostrato che uno dei pilastri su cui basare le proprie scelte è la legalità, concetto dal quale non si può prescindere, a nostro avviso, neppure per quanto riguarda le scelta amministrative soprattutto nel caso in cui, come nel caso di specie, sia proprio il Comune stesso ad essere stato direttamente ed economicamente danneggiato.

SI CHIEDE PERTANTO
-In nome di una trasparenza troppo spesso citata e troppo poco spesso rispettata, di riferire a questo Consiglio Comunale nonché a tutta la cittadinanza quale sia lo stato del procedimento penale in corso e più in particolare le imputazioni formulate dal Tribunale di Siena.
-Quale siano le intenzioni di questa Amministrazione nei confronti del dirigente coinvolto.
-Se ci sia la volontà o meno di costituirsi parte civile entro il termine dell’apertura del dibattimento (ultimo termine utile).

Si precisa inoltre, qualora questa Amministrazione decidesse di non costituirsi parte civile, che questo gruppo consiliare potrebbe valutare l’ipotesi di formalizzare un’istanza alla Corte dei Conti per il danno economico subito dal Comune e volontariamente non tutelato.

Casole 05-08-2011
IL GRUPPO CONSILIARE
Centrosinistra per Casole D’Elsa

Interrogazione scritta con richiesta di risposta orale

 

 

PREMESSO

 

Che in Loc Il Vallone sono stati completamente rimossi tutti i cassonetti della nettezza urbana, creando delle grosse difficoltà a tutta la zona, compreso l’albergo all’Acquaviva.

Che sono iniziati i lavori nella zona “La Croce” per lo spazio giochi e a verde

 

CONSIDERATO

Che entrambe le iniziative non sono state comunicate e condivise né con i cittadini né con il Consiglio di Frazione

Che i cassonetti presenti in Loc Il Merlo rimangono comunque insufficienti a coprire le esigenze dei cittadini

 

 

CHIEDIAMO

Che L’Amministrazione comunale possa pensare ad un ulteriore soluzione del problema rifiuti

Che sia sempre più capace e attenta a coinvolgere e rendere partecipi i Consigli di Frazione, vista la loro importanza, da sempre dichiarata dalla stessa Amministrazione.

 

Al Sindaco del Comune di Casole Piero Pii

 

                                                                                      All’Assessore ai lavori pubblici

                                                                                                  Guido Mansueto

 

 

 

 

                                                                  PREMESSO

Che questo Gruppo Consiliare, considerandolo molto importante, più volte si è occupato del decoro pubblico.

 

                                                                RILEVATO

Che su segnalazione di alcuni abitanti della zona Via Gramsci-Via Primo Maggio a Pievescola, i giochi per bambini posti nel giardinetto risultano essere, oltre che non soggetti a manutenzione periodica che spesso ne impedisce anche l’uso, anche poco sicuri per i bambini.

Si segnala inoltre, se l’Amministrazione non ne fosse al corrente, che nelle scale che da Via Gramsci scendono in Via Provinciale il muro sul lato destro si è piano piano staccato e ciò ha provocato la fuoriuscita dal muro della barre di ferro che quindi risultano essere pericolose per chi scende soprattutto per i bambini perché sono proprio all’altezza del viso.

 

                                                    SI CHIEDE PERTANTO

In seguito ad un preliminare sopralluogo che si proceda per la risoluzione delle eventuali criticità segnalate.

 

 

 

Casole 04-08-2011

 

 

                                                                                                IL GRUPPO CONSILIARE
                                                                                                 Centrosinistra per Casole D’Elsa

                                                         

         

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Gruppo consiliare   

Centrosinistra per Casole d’Elsa

                                                                                                                 

Casole lì 05-08-2011

Categoria: Attività, Circolo di Pievescola, Consiglio Comunale, GRUPPO CONSILIARE CENTROSINISTRA | Nessun Commento »

 

INTERROGAZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEL 5-8-2011

Inserito da casoledelsa il 28 Agosto 2011

Interrogazione scritta con richiesta di risposta verbale
PREMESSO

Che l’ufficio amministrativo del Az.USL del distretto di Casole è chiuso tutti i pomeriggi dal mese di giugno al mese di settembre
Che questo si verifica quest’anno per la prima volta

VERIFICATO
Il disagio che questo ha portato e porta ai cittadini, in particolare ai lavoratori

CHIEDIAMO
Che L’Amministrazione comunale e l’Assessore Torellini si impegnino affinché questo non si verifichi anche nei prossimi anni
Che, nonostante il difficile periodo economico, si cerchi di promuovere e sostenere i servizi esistenti senza andare verso una loro riduzione e/o eliminazione

  

Gruppo consiliare
Centrosinistra per Casole d’Elsa

Casole lì 05-08-2011

Categoria: Consiglio Comunale, GRUPPO CONSILIARE CENTROSINISTRA | Nessun Commento »

 

LA RISPOSTA DEL PD ALLE ASSOCIAZIONI. NESSUNA STRUMENTALIZZAZIONE DA PARTE DEL CENTROSINISTRA.

Inserito da casoledelsa il 27 Agosto 2011

Alle Associazioni del Comune di Casole D’Elsa

Ai Consigli di Frazione del Comune di Casole D’Elsa

 

 

Gentile Associazione,

Gentile Consiglio di Frazione,

In seguito alla lettera  inviata dall’Amministrazione Comunale avente ad oggetto :”Approvazione del regolamento per il Centro Polivalente di Pievescola”, è nostro dovere, come forza politica, intervenire sull’argomento per chiarirne i fatti e riportare assoluta trasparenza su tutto l’argomento.

Preliminarmente è opportuno precisare che il regolamento del Centro Polivalente di Pievescola è approdato in Consiglio Comunale senza esserne mai stato né discusso né concertato prima nè con la Commissione Consiliare, che tra l’altro è l’organo istituzionale predisposto a ciò, né con il Consiglio di frazione né tantomeno, come avrete notato, con le associazioni stesse neanche quelle di Pievescola più direttamente coinvolte.

Solo pochi giorni prima del Consiglio Comunale il CentroSinistra per Casole D’Elsa ha avuto modo di leggerne una copia e fin dall’inizio ha evidenziato grandi lacune legate soprattutto al fatto che in esso non fosse specificato né se le associazioni, nè quali, avrebbero dovuto pagare per l’utilizzo, così come non erano specificate le eventuali tariffe che venivano rimandate completamente alla libera discrezionalità della Giunta.

Certi che così com’era stato redatto fosse estremamente lacunoso abbiamo deciso di integrarlo e modificarlo, creando così una nostra alternativa.

Durante il Consiglio Comunale, il nostro gruppo consiliare ha fortemente chiesto il rinvio della discussione proprio per permettere, come tra l’altro anche il Programma di Pensare Comune prevedeva, la concertazione con la minoranza, la popolazione , le Associazioni e la Commissione Consiliare che era stata costituita e votata all’unanimità.

Si è cercato inoltre di motivare in quella sede che questo regolamento era solo il primo di una serie di altri regolamenti che avrebbero interessato tutti i luoghi pubblici cittadini creando quindi un importante precedente e che perciò questo richiedeva un’estrema attenzione, i fatti e quanto si legge nella lettera inviata alle Associazioni, hanno poi confermato la nostra tesi sconfessando il Vice Sindaco che in Consiglio Comunale sdrammatizzò dicendo che si faceva tanta polemica solo per una stanza a Pievescola!

Tutto questo percorso era nato da parte nostra, non certo con spirito strumentalistico, come invece L’Amministrazione Comunale vorrebbe far credere, ma esclusivamente con la convinzione che lo stabilire fin da subito regole certe chiare e precise avrebbero sicuramente evitato successivi strascichi sempre ribadendo con fermezza che, soprattutto in strumenti come questo dove si disciplina un Centro Polivalente di un piccolo paesino come Pievescola e che a questo ne seguiranno altri, sarebbe stato auspicabile, se non quasi doveroso, ascoltare e prendere atto del pensiero di tutti.

Il nostro intervento con questa lettera ha quindi l’obiettivo prioritario, onde evitare equivoci, di descrivere i fatti per come sono andati anche alla luce della lettera inviata successivamente dall’Amministrazione dove si tenta in qualche modo con la proposta dei “3 mesi di prova” di ridimensionare quanto sostenuto in Consiglio Comunale, facendo un passo indietro su quelle che invece erano le reali intenzioni di quel Regolamento che, come vedrete in allegato, diceva cose ben diverse da quello che poi l’Amministrazione ha scritto in quella lettera e che molto probabilmente non avrebbe mai scritto se il Centrosinistra per Casole non si fosse scontrato su questo tema.

Questa lettera inoltre ha uno scopo secondario, per dimostrare cioè ai cittadini e alle associazioni, che il nostro lavoro, condivisibile o meno, è un impegno serio e costante non certo fatto solo da NO ingiustificati.

Per assoluta chiarezza vi alleghiamo il testo originale del regolamento presentato in Consiglio Comunale dall’Amministrazione e le modifiche e/o integrazioni presentate dal Centrosinistra.

 

                                                                                                                               

                                                                                                                               Cordiali Saluti

Il PD di Casole D’Elsa.

 

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Scuola, in Toscana 10 milioni dalla Regione per sostenere i ”Piani di Offerta Formativa”

Inserito da casoledelsa il 26 Agosto 2011

Scuola, in Toscana 10 milioni dalla Regione per sostenere i ''Piani di Offerta Formativa''25-08-2011 SCUOLA TOSCANA | Un impegno finanziario che sfiora i 10 milioni di euro con 39 azioni educative che la Regione Toscana indica alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico che sta per iniziare. E’ tutto scritto in una delibera approvata dalla Giunta Regionale su proposta di Stella Targetti, assessore all’Istruzione, per sostenere le scuole nei loro Piani di Offerta Formativa (POF).

Le norme nazionali prevedono che le Regioni possano sostenere i piani di studio delle scuole fino al 20% del monte orario annuale obbligatorio in modo che le singole istituzioni scolastiche, nel rispetto della loro autonomia, possano essere aiutate con offerte formative regionali di qualità.

La Regione Toscana ha dunque approvato i suoi “indirizzi”: per l’anno scolastico 2011/12 si tratta di 18 progetti articolati in 39 azioni. Le scuole possono scegliere di aderire e di inserirle nei loro POF.

Per sostenere la scuola toscana nel miglioramento degli apprendimenti, la delibera declina un concetto generale (”educazione alla cittadinanza attiva”) affrontando singole problematiche della società contemporanea: educazione ambientale, lotta alla dispersione scolastica, legalità, educazione musicale, salute, stili di vita, antirazzismo, cultura, viaggi di istruzione. Nella delibera - pubblicata sul sito della Regione Toscana - sono indicate le molteplici opportunità: percorsi educativi, corsi di formazione per insegnanti, banche dati, siti Internet, strumenti e servizi per la scuola.

Per ciascuna delle 39 azioni vengono indicati riferimenti e modalità di accesso. Le risorse mosse sfiorano, in totale i 10 milioni di euro ma a tale cifra possono sommarsi cofinanziamenti di partner locali, pubblici e privati.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

« Older Entries

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Agosto 2011
L M M G V S D
« Lug   Set »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Categorie

Archivi

LINK

Meta