Pubblichiamo il documento,inviato dal Gruppo Centrosinistra per Casole d’Elsa, al Comune ormai diversi giorni fa, contenente richiesta di dimissioni del Sindaco-…Forse questo documento non era meritevole di essere discusso in Consiglio Comunale??? Evidentemente no, perchè il Sindaco Pii lo ha volutamente escluso dall’o.d.g. del prossimo Consiglio Comunale fissato per il prossimo 2 Febbraio.

Inserito da casoledelsa il 27 Gennaio 2011

 

AL CONSIGLIO COMUNALE DI CASOLE D’ELSA
e.p.c. AL SINDACO PIERO PII
e.p.c. AL SEGRETARIO COMUNALE

Il Gruppo Consiliare, CENTROSINISTRA PER CASOLE D’ELSA
nel considerare le ultime vicende giudiziarie che hanno visto coinvolto il Sindaco Dott. Piero Pii , presenta il seguente documento di richiesta di dimissioni .
Citiamo - Enrico Berlinguer
“La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico ”

Recita l’art. 54 della costituzione :
“Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi. I cittadini a cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed ONORE, prestando GIURAMENTO nei casi stabiliti dalla legge.”

Nel Programma elettorale del Centrosinistra per Casole si leggeva: (…)
Nell’amministrare intendiamo osservare anche i principi basilari che devono guidare l’azione corretta di una pubblica Amministrazione, ovvero:
 legalità, intesa come rispetto di norme, procedure, regole operative; è la forma più alta di rispetto della volontà popolare
 efficienza, intesa come costante verifica della capacità operativa della struttura ed adeguamento della sua azione;
 efficacia, intesa come continua verifica dell’idoneità della nostra azione a rispondere ai bisogni che ne avevano determinato la scelta e lo specifico intervento;
 economicità, intesa come attenzione a realizzare interventi e servizi considerando un adeguato rapporto costi/benefici;
 trasparenza intesa non tanto come accessibilità, sempre garantita, ma soprattutto come diverso modo di intendere il rapporto Amministrazione - Cittadino.
PREMESSO
 Che a Casole, la “questione morale” la “legalità” la “trasparenza” sono valori importanti senza i quali non può esistere “democrazia” come da sempre espresso dal Centrosinistra per Casole d’Elsa.
 Che in data 10-11-2010 , il Sindaco Piero Pii davanti al Tribunale di Siena , accusato del reato ai sensi dell’art. 71, comma1 (in relazione agli artt.64 e 65) del T.U. in materia edilizia, approvato con D.P.R. 6/6/2001 n. 380 e del reato ai sensi dell’art. 95 (in relazione agli artt.93 e 94) del T.U. in materia edilizia, approvato con D.P.R. 6/6/2001 n. 380, ha richiesto ed ottenuto domanda di oblazione ex art 162/162 bis c.p.p.
 Che in data 16-12-2010, al Sindaco Piero Pii, di fronte al Tribunale di Poggibonsi, venivano contestati quattro capi d’accusa che andavano dagli abusi edilizi perpetrati in area soggetta a vincoli ( boschivo e idrogeologico ), omissioni procedurali, trasformazione del bosco. Per i reati in materia di edilizia, veniva richiesta ed ottenuta oblazione ex art 162/ 162 bis cpp mentre veniva rimandata l’udienza al 17 febbraio per i reati ambientali.
 Che sono già calendarizzate altre udienze che vedono coinvolto il Dott. Pii, assieme ad altri soggetti, in procedimenti giudiziari per presunti abusi edilizi;

 Che il manuale di procedura penale alla voce “oblazione” recita testualmente: “L’oblazione ha una prevalente finalità di deflazione processuale: lo Stato soddisfa la pretesa punitiva con il pagamento di una somma di denaro prima dell’apertura del dibattimento” e prosegue “Il giudice quando ammette l’oblazione fissa con ordinanza l’ammontare della somma che l’imputato è tenuto a versare e ne dà avviso all’interessato. Il medesimo giudice, verificato il pagamento della somma in questione, dichiara il reato estinto per intervenuta oblazione” . Non si può sostenere quindi che l’oblazione corrisponda ad una sentenza di assoluzione, né tanto meno sostenere che il reato ascritto non sia stato commesso.

 Che nel corso di un Assemblea Pubblica nel Gennaio 2007 il Sig. Pii, dichiarò:
 “a Casole mai perpetrato nessun abuso edilizio”
RICORDATO:
 Che questo Gruppo Consiliare in più interrogazioni chiedeva :
Se fosse a conoscenza,il Sindaco e la Giunta,di eventuali avvisi di garanzia o rinvii a giudizio riconducibili a personale dell’Amministrazione, ricevendo sempre risposte negative a riguardo.
Che la Provincia di Siena CON ATTO N. 179 DEL 13-10-2209, ha ritenuto opportuno costituirsi parte civile, in considerazione della persistente condotta degli imputati contraria alla normativa in vigore; nel procedimento penale n. 2247/07 R.G.N.R., aperto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena, in merito ad una discarica abusiva posta a Cavallano di Sopra.

CONSTATATO:
 Che il Sindaco Piero Pii, differentemente da altri Comuni, dove si sono verificate vicende giudiziarie analoghe, non ha mai ritenuto opportuno e corretto costituirsi parte civile.
 Che il Sindaco Pii, non può partecipare alle sedute dei Consigli Comunali dove si trattano argomenti su soggetti a lui legati da interessi economici-professionali.
 Che anche in occasione di alcune delibere di Giunta è assente per motivi economico - professionali.
 Che la questione morale è un aspetto importante per il Centrosinistra per Casole d’Elsa come dimostrato in svariate occasioni.
 Che la giustificazione addotta dal Sindaco, sig. Piero Pii, che al momento dei fatti non fosse né Sindaco né Amministratore è assolutamente ininfluente. Ciò che conta è che oggi siamo di fronte ad un Sindaco evidentemente coinvolto in vicende che riguardano il Comune che lui stesso rappresenta e quindi si trova nell’impossibilità oggettiva sia di svolgere correttamente il ruolo che ricopre , e ancor più grave, di difendere e tutelare gli interessi dell’intera Amministrazione e di tutti i cittadini.

Sulla base di quanto sopra esposto,
il Gruppo Consiliare Centrosinistra per Casole d’Elsa non intende e non può assistere passivamente a questa situazione;
- è dovere di tutti i consiglieri comunali, anche con motivazioni disgiunte da queste, restituire alla politica la dignità che le compete e assicurare un governo autorevole ed efficiente al paese Casole;

SI CHIEDE PERTANTO
al Sig. Piero Pii, un gesto di responsabilità, rassegnando le dimissioni dalla carica di Sindaco del Comune di Casole d’Elsa.

Con osservanza
Gruppo Consiliare
Centrosinistra per Casole d’Elsa
Casole d’Elsa , 14 Gennaio 2011

Categoria: Informazioni | 1 Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Gennaio 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Categorie

Archivi

LINK

Meta