IL PD DI CASOLE ADERISCE ALLA MOBILITAZIONE A SOSTEGNO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE- SI INVITA TUTTI A PARTECIPARE

Inserito da casoledelsa il 29 Novembre 2010

il Partito Democratico della provincia di Siena aderisce alla mobilitazione organizzata dalla Provincia e dal Comune di Siena a sostegno del trasporto pubblico locale, partecipando con convinzione all’iniziativa che si svolgerà giovedì 2 dicembre ore 13.00 in piazza Gramsci (La Lizza) a Siena.

Scenderemo in piazza al fianco delle istituzioni, delle associazioni e dei cittadini per ribadire la nostra  preoccupazione e la nostra contrarietà ai tagli a uno dei comparti più importanti per la mobilità delle persone.

Il governo ha cancellato il cinquanta per cento dei finanziamenti destinati al trasporto pubblico locale della  Toscana, pari a 200 milioni di euro. Tagli che causeranno l’aumento delle tariffe per i biglietti; la riduzione del numero di corse; maggiori costi per le famiglie e che metteranno a rischio molti posti di lavoro, visto che le aziende di trasporto avranno bisogno di meno personale.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Il Pd a Pii: “Basta nuove case a Casole, no alla variante urbanistica”

Inserito da casoledelsa il 29 Novembre 2010

Democratici contrari alla modifica al Piano regolatore, approvata a maggioranza, che dà via libera a nuove edificazioni

Il Pd a Pii: “Basta nuove case a Casole, no alla variante urbanistica”

 

“Il Partito democratico di Casole d’Elsa dice ‘no’ alla variante urbanistica approvata dalla maggioranza che sostiene il sindaco Pii, che apre la strada alla costruzione di nuove case nel territorio del comune. Decisione sbagliata nel merito, inadeguata dal punto di vista tecnico e grave dal punto di vista della correttezza istituzionale, dopo la recente condanna subita dal sindaco Pii e stante un secondo procedimento in corso per abusi edilizi, di cui si attende di conoscere l’esito”. Con queste parole il Partito democratico di Casole condanna l’adozione della variante urbanistica, approvata a maggioranza e col voto contrario del Gruppo Consiliare Centrosinistra per Casole d’Elsa, nella seduta del Consiglio comunale di martedì scorso, 23 novembre.

 

Stop a nuove case, prima completare e recuperare. “Non possiamo continuare a costruire nuove case – si legge nella dichiarazione di voto del gruppo Centrosinistra in Consiglio comunale – senza prima completare i nuclei residenziali già realizzati, come Cavallano, Lucciana, Pievescola, dove ancora mancano servizi essenziali per i cittadini, siano fogne, depuratori, raccolta rifiuti, parcheggi, telefono o metano. Inoltre, prima di costruire nuove case, dobbiamo sapere di preciso quante sono le abitazioni invendute o sfitte. Dobbiamo recuperare e valorizzare gli insediamenti abitativi già esistenti prima di consumare nuovo territorio, che non vuol dire trasformare tutti gli annessi agricoli in villette o in fabbricati residenziali. Per un progetto urbano nuovo servono strumenti urbanistici nuovi, in linea con le disposizioni regionali e provinciali; non l’ennesima variante, la ventiquattresima, all’attuale piano regolatore che risale all’anno 2000”.

 

Variante scorretta sul piano istituzionale. “Se dieci anni fa servivano nuove case – continua il Pd –  l’esigenza di oggi è al contrario quella di contenere l’espansione edilizia. Semmai servono spazi verdi e occasioni di socialità. Casole ha bisogno di un nuovo progetto urbanistico che valorizzi il territorio, le sue eccellenze e potenzialità in chiave turistica, in un percorso da compiere insieme agli imprenditori agricoli e alle associazioni di categoria. Non possiamo semplicemente traslare da una zona all’altra le zone edificabili. Né possiamo trasformare in automatico la destinazione di porzioni di territorio da turistiche ad abitative, come ha fatto la maggioranza con l’ultima, ennesima variante. Infine, correttezza istituzionale avrebbe voluto che la maggioranza rinviasse l’adozione di un procedimento urbanistico così importante adottato solo pochi giorni dopo la condanna subita dal sindaco Pii e stante un secondo procedimento in corso a suo carico, sempre per abusi edilizi”.

Categoria: Consiglio Comunale, GRUPPO CONSILIARE CENTROSINISTRA, Segreteria | Nessun Commento »

 

ALCUNE RIFLESSIONI A 2 ANNI DI DISTANZA DALLA CHIUSURA DELLA FLORENCE………………..

Inserito da casoledelsa il 29 Novembre 2010

Pubblichiamo con piacere,  un articolo sul lavoro, inviatoci gentilmente da una nostra iscritta

del Circolo di Casole d’Elsa.

Sono ormai due anni che la Florence ha cessato l’attività produttiva, mandando a casa ben 157 dipendenti. All’assemblea per il Consiglio di Quartiere a Cavallano, il Sindaco di Casole d’Elsa, su richiesta di una concittadina ha  puntualizzato che c’è un interessamento,  da parte della proprieta’ della  stessa ditta,  di riprendere l’attività produttiva.

Io mi auguro che ci sia questa intenzione, perche’ non vorrei che si alimentassero false speranze in ex-lavoratrici che ad oggi non hanno ancora trovato una collocazione nel mercato del lavoro. 

L’emergenza occupazionale che investe tutto il nostro Paese, e che colpisce soprattutto i giovani e le donne è un problema grave di cui il Governo non si vuole occupare e che anzi, alimenta con i tagli che porteranno alla cancellazione di migliaia di posti di lavoro.

Senza presunzioni, ma con molta modestia , mi sento di dire a tutte quelle persone che hanno perso il posto di lavoro (ex-Florence, ex-Calp, e altre ditte della zona), che l’unico mezzo che oggi hanno a disposizione per ritrovare un lavoro è di credere in loro stesse e investire nella formazione.

La Provincia, tramite i Centri per l’Impiego, offre a tutti i disoccupati, la possibilita’ di riformarsi, con dei corsi appositi, finanziati  dai fondi provinciali e dalle erogazioni, che quì da noi  vengono emesse  dalla Fondazione Monte dei Paschi per sostenere l’occupazione e lo sviluppo.  Frequentarli, non è una perdita di tempo, ma un grosso strumento per ritrovare il lavoro.

Io ho seguto un percorso simile e mi è servito; ad oggi svolgo un lavoro totalmente nuovo per me , ma che amo e che mi soddisfa.

Certamente la formazione non è la ricetta magica che risolverà tutti i problemi occupazionali, ma è uno strumento efficace che puo’ risultare urtile in assenza di una politica del lavoro efficente, perche’ chi governa si occupa di tutto , tranne che dei problemi veri del paese. Un Paese dove i diritti vengono meno, crescono le disuguaglinze, si tagliano le risorse, aumenta le cassa integrazione, un paese dove le rendite finanziarie non vengono toccate e si fanno gli interessi dei più ricchi.

Mi sento di dire quindi, “investiamo su di  noi”, il lavoro è importante, nobilita l’uomo e non si puo’ pensare ad un futuro senza un lavoro, soprattutto per chi è giovane.

 

                                                                                                                             Barbara Senesi

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

POGGIBONSI CON TE : CENTRO DI RACCOLTA E SMISTAMENTO

Inserito da casoledelsa il 29 Novembre 2010

Poggibonsi con te”, punto di raccolta e di smistamento.Sabato 27 novembre si è inaugurato a Poggibonsi , in loc.il Palagetto il punto di raccolta e smistamento per le persone in difficoltà economica (distribuzione di pacchi alimentari, accessori per la prima infanzia, piccoli mobili) e offre anche un servizio di chiarimenti sulla richiesta di bonus per la spesa e bonus farmaceutici.
“Poggibonsi con te” è un progetto realizzato dal Comune, Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa e altre 11 associazioni del terzo settore per contrastare la povertà.
L’attivazione dei locali è stata possibile grazie ai contributi della Fondazione Monte Paschi Siena ed a un finanziamento statale per il quale si è interessata la deputata del PD Susanna Cenni, oltre alla famiglia Vittoriano Gaggelli che ha fornito i locali.
Al taglio del nastro sono intervenuti il sindaco Lucia Coccheri, il presidente della Fondazione MPS Gabriello Mancini , l’on. Susanna Cenni, Filomena Convertito e Paolo Brogioni in qualità di presidente della FTSA.
Per il Sindaco di Poggibonsi è un momento importante , in cui tutte le forze di Poggibonsi si sono unite per realizzare un progetto di estrema necessità.
Per il Presidente della Fondazione MPS, Gabriello Mancini, il progetto si è realizzato con l’emissione del bando speciale anticrisi finalizzato a fronteggiare i problemi che invadono la sfera della vita dei cittadini.
“E’ una risposta concreta al crescente fenomeno della povertà” dichiara l’on. Cenni, che è riuscita a far convergere sul progetto alcuni fondi della ‘ legge Mancia’.
“Questo fenomeno è in crescita anche nel nostro territorio e riguarda, non solo le situazioni estreme di marginalità e degrado, ma anche numerose famiglie della Valdelsa che piombano nella povertà a causa della perdita del lavoro ” afferma l’on . Cenni.
Il Centro rimarrà aperto, attraverso la presenza di due lavoratori socialmente utili del comune, il lunedì e il mercoledì dalle 9.00 alle 13.00 e il giovedì dalle 15.00 alle 18.00. Per accedere ai servizi verrà compilato un modulo e verrà valutato professionalmente dai Servizi Sociali di Poggibonsi che decideranno anche in merito ai bonus.
I cittadini che intendono aderire al progetto facendo delle donazioni (carrozzine, lettini, libri per l’infanzia) potranno rivolgersi direttamente al punto informativo in via del Perugino, 7.

Alla luce di questa importante iniziativa del comune di Poggibonsi, io mi chiedo, se non fosse possibile anche nel territorio casolese, aprire un centro simile, certamente piu’ piccolo , adatto alle esigenze del nostro comune, che risponda alle difficoltà economiche che ormai stanno affrontando alcune famiglie del nostro territorio, in seguito alla perdita del lavoro.

(Berbara S.)

Categoria: Circolo di Casole, Dibattito, Informazioni | Nessun Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Novembre 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Categorie

Archivi

LINK

Meta