Tante domande al Sig. Pii per tante risposte

Inserito da casoledelsa il 22 Novembre 2010

Riceviamo dal Dr. Dario Conte tesserato PD a Casole.

Negli ultimi giorni ho seguito con la dovuta attenzione la “tempesta” di prese di posizione seguita alle decisioni del Tribunale di Siena nei confronti del sindaco di Casole Piero Pii e di altri e alla oblazione del dottor Pii stesso finalizzata a chiudere uno dei procedimenti giudiziari nei quali è implicato.
L’aggressività del dottor Pii durante il recente Consiglio Comunale merita alcune considerazioni:

Il dottor Pii finge di ignorare che quanto determinato dal Tribunale di Siena si riferisce solamente ad uno dei tanti “bubboni” della realtà Casolese, frutto di tanti anni di malgoverno.

Si dovrebbe forse ignorare la drammatica realtà che sta sotto l’insediamento di Pietralata, la squallida vicenda della Selva e delle Vigne e via di questo passo? Minacciare sfracelli contro quattro miserabili ecologisti non serve a niente perché, come auspicabile, la Giustizia farà il suo corso dettato da incontrovertibili prove degli abusi e delle irregolarità portate avanti per anni. Sono atti ufficiali amministrativi, dottor Pii, non fandonie di quattro cialtroni o di una Giustizia deviata.

Si rilegga, dottor Pii, la puntuale documentazione degli stessi abusi derivata da atti ufficiali Comunali che è sufficiente consultare e che Lei dovrebbe conoscere nei minimi dettagli. Le abbiamo ricordato fino alla nausea, dottor Pii, le Sue parole del gennaio 2007 riguardanti l’inesistenza di abusi edilizi, totalmente contraddette dalle indagini della Magistratura.

Il prezzo enorme pagato dalla Comunità Casolese per il malgoverno non è solo morale. Dichiari pubblicamente, dottor Pii, qual è il prezzo economico delle vicende giudiziarie. In altre parole, se finge di non capire quello che scrivo, dichiari quanto sono costate, in euro, al Comune tutte le consulenze legali intraprese per tentare di sanare una situazione insanabile.
E’ nostro diritto conoscere questa cifra.

Si tratta solamente, dottor Pii, di dire quanti Euro il Comune ha pagato. Basta un solo numero per scrivere la somma degli ultimi quattro anni, affinché ogni Casolese possa dare una valutazione autonoma supportata dai fatti e non dalle parole!

Il dottor Pii ha ripetutamente e pubblicamente affermato (vedi Assemblea Pubblica serale in Piazza nell’estate scorsa) che il processo di espansione della Comunità Casolese era concluso. Questo Lei, dottor Pii, me l’aveva giurato durante il lungo incontro al bar Barroccio nell’agosto 2010 (lo ricorda vero?!) , ma allora, come spiegare il recente progetto di una colata di cemento per edilizia residenziale? E la decisione di insediare di un migliaio di nuovi abitanti da quale studio economico-urbanistico deriva?

Mille persone corrispondono a 333 nuclei famigliari composti da padre, madre e un figlio. E’ lecito chiedere con determinazione al dottor Pii, dove lavoreranno i 333 padri e, auspicabilmente, gran parte delle 333 madri? Alla CALP, alla Florence, nell’agricoltura, nelle strutture del Piano di Casole, negli agriturismi del territorio, ai Caseificio o nell’edilizia? O, anche per questo, dottor Pii, Lei ritiene che le osservazioni di quattro cialtroni non meritino alcuna considerazione?!

Sono quattro anni (48 mesi a gennaio 2011) che la situazione è critica e la soluzione sarebbe di aumentare di 1000 unità gli abitanti? Ma si rende conto, dottor Pii, di che cosa sta parlando? I macigni non si spostano e vale ricordare ancora una volta che in quattro anni e con un prezzo altissimo (la dica questa cifra dottor Pii!) è stata sanata solo la porcheria di San Severo. Oppure bisogna pensare che i colossali nuovi insediamenti serviranno a tacitare i Costruttori come contropartita per la mancata realizzazione di Poggio ai Gessi, Poggio ai Bimbi, Pietralata e così via? Dottor Pii faccia una dichiarazione ufficiale, con cifre, date e piani dettagliati ma, soprattutto, se è in grado, chiarisca il mercato del lavoro per i nuovi abitanti. Naturalmente, da Amministratore attento e oculato quale è , dichiari anche le previsioni di spesa per la Sanità, l’Educazione, le Infrastrutture e i Trasporti di questo ulteriore 25% di popolazione e, per favore, non dica “è tutto a posto, oppure un ” ghe pensi mì” in stile berlusconiano.

Legga in proposito, dottor Pii, le ultime 14 righe di pagina 37 del suo Programma di Governo 2009 -2014 e renda pubblico un rendiconto di quanto ottenuto nei primi 18 mesi rispetto a quanto programmato. Dovrebbe essere facile perché sono cifre e non parole.

Sempre partendo dal programma di Governo, vada poi, dottor Pii, alle 101 AZIONI CERTE E GARANTITE (sono parole del Programma) da realizzare entro il 31/12/2010!!. “Certe e garantite ” vorrebbe dire che entro un mese circa da oggi tutte le 101 iniziative dovrebbero essere state completate con successo. Le spiace, dottor Pii, fare l’elenco di quelle mancanti? Così, tanto per rendersi conto dello stato dei lavori. Sono fatti questi, dottor Pii, non parole.

Per quanto riguarda infine l’oblazione da Lei versata, non penso si debbano fare ulteriori commenti alla luce della clamorosa buriana che si è scatenata si blog e sulla stampa. Forse il tutto meriterebbe un atto di trasparenza vera e, soprattutto, un atto di coraggio dovuto, rappresentato dalla rassegnazione delle Sue dimissioni. Lo faccia con un atto di dignità pubblica e personale, per il bene di Casole, che Lei ha sempre dichiarato essere il Suo obiettivo primario, e prima che sia troppo tardi

Dario Conte

Categoria: Dibattito | Nessun Commento »

 

CONSIGLIO PROVINCIALE:LIBERATI QUASI 3 MILIONI

Inserito da casoledelsa il 22 Novembre 2010

CONSIGLIO PROVINCIALE: LIBERATI QUASI 3 MILIONI
BURRESI : ‘RISORSE DA INVESTIRE PER CREARE SVILUPPO E OCCUPAZIONE ‘
Il Consiglio Provinciale approva la delibera di rinegoziazione dei mutui che libera circa 3 milioni di Euro. Un atto reso necessario a seguito dei tagli del Governo nazionale che colpiscono la Provincia di Siena per oltre 6,5 milioni di Euro. Tagli pesanti per l’ente provincia dopo che il Governo ha tagliato risorse ai comuni, alla scuola, all’Università, al trasporto pubblico, ai servizi alle famiglie.”Sono certo che per dare risposte concrete ai cittadini servono risorse economiche. C’è un progetto di sviluppo per questa provincia che si basa sulla Green Economy, sulle energie rinnovabili, sulla valorizzazione dell’ambiente e dei sui prodotti” E’ quanto dichiara il presidente del Consiglio provinciale di Siena, Riccardo Burresi, sottolineando: “Un progetto concreto che mira a creare nuove imprese e nuovi posti di lavoro con particolare attenzione ai giovani ed alle donne”.

“Avere a disposizione 3 milioni di Euro - spiega Burresi - a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio Provinciale della delibera di rinegoziazione dei mutui, rappresenta una risposta concreta che libera risorse da investire per lo sviluppo e l’occupazione nella nostra provincia”.

“Un atto che non sarebbe stato necessario - conclude il Presidente del Consiglio provinciale di Siena, Riccardo Burresi - se non ci fossero stati i tagli del Governo e se il Ministro Tremonti, in una situazione di crisi come quella attuale, avesse ricercato un percorso istituzionale condiviso con il quale decidere come distribuire le risorse a disposizione”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

PEDAGGIO SULL’AUTOPALIO

Inserito da casoledelsa il 22 Novembre 2010

PEDAGGIO: ‘LA BATTAGLIA CONTINUA CONTRO UN GOVERNO CHE NON AMA SIENA’
BURRESI: ‘AI SENESI IL PEDAGGIO, AL NORD I MILIARDI PER LE GRANDI OPERE’”Con il ‘No pedaggio day’ vogliamo far sentire alta e forte la voce dei nostri cittadini contro un governo che dimostra sempre di più di non amare Siena. Ai senesi l’odioso pedaggio, al Nord i miliardi per le grandi opere”. Lo dichiara il presidente del consiglio provinciale di Siena, Riccardo Burresi, annunciando la sua presenza alla mobilitazione di domani di fronte alla Fortezza da Basso di Firenze.
“Il pesante balzello - spiega Burresi - che colpisce gli automobilisti ai caselli di Firenze Certosa e Bettolle Valdichiana è un vero e proprio scandalo. Da mesi protestiamo portando la voce del territorio all’attenzione del ministro Matteoli e dell’intero esecutivo, ma evidentemente non c’è alcuna intenzione di ascoltare senesi e fiorentini che dopo il danno di una strada malmessa e insicura come l’Autopalio devono anche sopportare la beffa della sovrattassa introdotta la scorsa estate”.
“E’ evidente che questo governo non ama Siena e la Toscana centrale - aggiunge Burresi - come confermano le decisioni prese dal Cipe presso la presidenza del Consiglio dei ministri sul finanziamento delle grandi infrastrutture: la quasi totalità dei 21 miliardi di euro stanziati è andata a opere del Nord”.

Categoria: Informazioni | Nessun Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Novembre 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Categorie

Archivi

LINK

Meta