E’ UN TEST NAZIONALE, MOBILITIAMOCI PER FERMARLA”

Inserito da casoledelsa il 3 Ottobre 2010

Ci giunge questo contributo che il PD non può ignorare sia a livello locale che Nazionale. La Giunta Polverini così come la Giunta Alemanno fanno da banco di prova per tutte quelle leggi che dovranno riportarci indoetro di 50 anni. Due persone di Destra che stanno al gioco del Caimano.

La proposta di legge di Olimpia Tarzia  è sconvolgente. Dobbiamo mobilitarci per fermarla. Anche attraverso la discussione in RETE.  BM

E’ UN TEST NAZIONALE, MOBILITIAMOCI PER FERMARLA”

Dal ”Manifesto”  - 30 settembre 2010
Il no Emma Bonino alla riforma Tarzia dei consultori
di Eleonora Martini


Emma Bonino, vice presidente del Senato, era candidata alla presidenza della Regione Lazio. Solo a Roma prese la maggioranza dei voti.
Dopo il lungo brivido di orrore provato dalla lettura della proposta di riforma pro-life del consultori targata Polverini, molte donne avranno pensato a lei Intensamente e con nostalgia…
E noi fin da luglio abbiamo tentato di reagire, riunite alla Casa delle donne mentre fuori a Roma c’erano settanta gradi all’ombra. Proposi, convinta come sono che la miglior difesa è l’attacco, che non dovevamo affatto limitarci a difendere l’attuale legge dei consultori ma dovevamo partire con una proposta di legge di iniziativa popolare - magari usando anche la festa del Pd per raccogliere le 5 mila firme regionali necessarie - che rilanciasse tutti i diritti al femminile dispersi e calpestati negli ultimi anni, dalla procreazione assistita alla Ru486, in modo da farne una controproposta di vera alternativa. Ma mi risposero picche, qualcuna non era d’accordo.
Non era ancora chiaro Il problema?
Beh, allora c’era tutto il dramma dei cinque consiglieri regionali del Pd che avevano firmato la proposta.. uomini, perché di donne democratiche nel Consiglio del Lazio non ce ne sono. Non era chiaro nemmeno se l’avessero letta o no prima di firmarla, come se non conoscessero Olimpia Tarzia…insomma, c’era imbarazzo.
La solita flebile opposizione…
Ho provato a spiegare che se delegando solo alla ginnastica parlamentare o consiliare sappiamo dove si va a finire, come abbiamo visto con la legge 40 sulla procreazione assistita: i numeri sono numeri. L’unica alternativa è una mobilitazione collettiva forte e contemporaneamente una controproposta incisiva che trovi sostegno popolare. L’altro giorno ne ha presentata una la consigliera Idv Giulia Rodano che però rischia di non essere discussa in commissione contemporaneamente alla proposta Tarzia. E invece è importante, perché è l’unico modo per costringerli ad una mediazione.
Quanto è importante fermare questa proposta di legge?
Tanto: questo è un test nazionale, non solo una questione regionale. Non a caso a luglio ci fu un incontro pubblico tra Polverini Formigoni e Cota sul tema, e oggi Olimpia Tarzia si ispira proprio al fondo Nasko, istituito dalla regione Lombardia per le donne che rinunciano ad abortire. Dunque è estremamente importante. E, bisogna dirselo, è ora che la smettiamo tutte le volte di sbagliare dinamica politica!
La commissione legislativa della Regione Lazio ha appena presentato una relazione che sembra darle ragione su una serie dl questioni dl Incostituzionalità che lei aveva proposto di sollevare.
Si, vedo con piacere che una serie di obiezioni da noi sollevate sono state fatte proprie dall’ufficio legislativo regionale. E incostituzionale perché la tutela del figlio concepito di cui all’articolo 1 esorbita totalmente dalla competenza legislativa regionale. Perché ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione incide su ambiti materiali di competenza legislativa statale esclusiva. L’ufficio nota che nella pdl si parla di alcune figure professionali che dovrebbero lavorare nei consultori che non sono mai state istituite come il “mediatore familiare”. Dopodiché la Regione si erge a tutela di una nuova definizione etica della famiglia: esclusivamente quella con figli. E non compete alla Regione.
E’ famiglia solo chi si sposa e soltanto se fa figli.
Ed è membro della famiglia anche il concepito. Ma attenzione, perché definire il concepito come persona significa che la legge 194 viene destituita di fondamento.
Secondo lei ad ispirare questa proposta di legge è stata più l’ideologia fondamentalista pro-life o gli Interessi del privati cattolici, importanti alleati politici?
Tutte e due insieme, l’una cosa non esclude l’altra. II combinato disposto è esplosivo. L’ispirazione è ideologica e già che ci siamo ci mettiamo dentro le organizzazioni private che peraltro saranno autorizzate a distribuire gli assegni promessi alle donne che rinunciano all’aborto. Ora ci dobbiamo chiedere: questi privati da chi saranno scelti? Ci sarà una commissione giudicante per stabilire quali sono le organizzazioni private coerenti con l’impostazione della legge?
E cosa dire dell’articolo 13 che Infierisce sulle donne che vorrebbero interrompere la gravidanza?
Anche la pillola Ru486 non si può usare perché banalizza l’aborto: fa tutto parte dell’escursus ideologico che vede il dolore come componente essenziale della fecondità al femminile. Insomma, siccome si partorisce con dolore, bisognerà abortire sotto tortura e perlomeno morire lapidati.

Categoria: Dibattito | 1 Commento »

 

Sicilia, giunta tecnica per Lombardo

Inserito da casoledelsa il 3 Ottobre 2010

Un contributo alla discussione, mandatomi da un elettore del PD, sul Post ” No.Io voglio capire”.

………….

 

Sicilia, giunta tecnica per Lombardo i tormenti del Pd e l’appoggio esterno

di EMANUELE LAURIA

 PALERMO - Si è messo contro il presidente del Senato, il ministro della Giustizia e il sindaco del capoluogo siciliano: ormai ex alleati che Raffaele Lombardo priverà oggi di una rappresentanza nella giunta regionale. Un governo senza il Pdl, almeno quello ufficiale: dopo essersi liberato a giugno dell’Udc di Cuffaro, Lombardo dà il foglio di via ai due assessori indicati da Berlusconi, Antonino Beninati e Mario Milone. Eccola, la “Cosa” del leader dell’Mpa, che manda in pezzi la corazzata del centrodestra isolano. Ma scuote, e non poco, anche il Pd, chiamato a dare un sostegno, limitato alle riforme, a un governo di minoranza formato da Mpa, ribelli del Pdl Sicilia capitanati da Gianfranco Micciché e Alleanza per l’Italia di Rutelli.Il ruolo dei democratici diventa decisivo per la sopravvivenza del governatore e la linea è quella di votare in Assemblea regionale i provvedimenti più importanti, in primis quello che riscrive il sistema dei rifiuti ormai al collasso. Formalmente, non è neppure un appoggio esterno: però di qui a sei mesi la mossa potrebbe portare i democratici direttamente in giunta. Il regista dell’operazione, il capogruppo del Pd all’Ars Antonello Cracolici, lo afferma chiaramente: “Lombardo dice che intende cambiare la Sicilia e noi vogliamo crederci. Ma non è una cambiale in bianco: prima dell’estate verificheremo se il percorso d’innovazione avrà preso il senso giusto e a quel punto potrebbero esserci le condizioni per un contributo più evidente”.

La scadenza non è casuale: si attende l’esito delle regionali per scrutare meglio l’orizzonte. E c’è chi è pronto a scommettere che il patto per le riforme di oggi, benedetto da D’Alema e Bersani, si trasformerà in una coalizione elettorale domani. Specie se Micciché, che ha appena incontrato Berlusconi ad Arcore, dovesse sfilarsi e tornare nell’alveo di un Pdl unito.

Ma il Lombardo-ter potrebbe anche condurre dritto nel partito del Sud sinora solo vagheggiato dal governatore e dall’inquieto sottosegretario. Di certo, la nuova giunta partirà con un paio di assessori tecnici non sgraditi al Pd: uno sarà quasi certamente l’economista Mario Centorrino, l’altro dovrebbe essere un alto burocrate (Francesco Paolo Busalacchi o Pier Carmelo Russo).

Nomi che non basteranno, in ogni caso, a placare il malumore di alcuni big, come Enzo Bianco: “Sia chiaro, quello che nasce è un governo limitato a Mpa e Pdl Sicilia, assolutamente inadeguato alle esigenze dell’isola. Noi possiamo valutare singole leggi proposte dal governo. Comportamenti diversi sarebbero molto gravi”. Come l’ex presidente della Regione Angelo Capodicasa: “Non mi fido di Lombardo, che è stato alleato della Lega e di Storace”.

Rita Borsellino, che aveva minacciato di non prendere la tessera del Pd in caso di “inciucio”, ora si è ammorbidita: “Noi restiamo all’opposizione, ma se riusciamo finalmente a far lavorare questo presidente e produrre qualcosa di buono per la Sicilia, tanto di guadagnato”. Ne ha preso atto anche il prudente neo segretario regionale Giuseppe Lupo, un fedelissimo di Sergio D’Antoni, che ieri sera ha varcato la porta del governatore per la seconda volta in 4 giorni. E così, con un Pd in travaglio, la Cosa di Lombardo prende forma.

 

 

Categoria: Dibattito | 1 Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Ottobre 2010
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Categorie

Archivi

LINK

Meta