LA SCORTA SIAMO NOI.

Inserito da casoledelsa il 17 Settembre 2010

Oggi mentre aspettavo che si svolgesse l’udienza per “Le Vigne” e “San Severo” mi tornava alla mente un articolo sull’Unità di Sabato 11 Settembre. “In morte di un sindaco ambientalista” di Roberto della Seta e Francesco Ferrante.

 

(..) Era un ambientalista, Angelo Vassallo, un ambientalista convinto che garantire la legalità e preservare il paesaggio siano premesse obbligate per dare a terre come la sua uno sviluppo vero, duraturo. Era il contrario della ridicola caricatura che spesso viene fatta di chi considera la difesa dell’ambiente una priorità assoluta: non un “nemico del progresso”, ma una persona consapevole che oggi non c’è vero progresso senza curare di più e meglio i beni comuni, e consapevole che il rispetto della legge e la tutela dell’ambiente sono tra i beni comuni più preziosi.

Questa, allora una prima domanda: se un sindaco così, per modo in cui amministra viene ammazzato, ciò significa che rappresenta un eccezione? Ci auguriamo naturalmente di no, ma certo non è felice un Paese dove chi con coraggio, determinazione e senza sconti si impegna per far valere l’interesse generale contro quello particolare e tante volte illecito di pochi, rischia di venire crivellato di pallottole.

Ci sono due grandi questioni sulle quali il nostro Paese è in difficoltà, queste rispondono al nome di legalità e ambiente. La destra che attualmente governa considera l’una e l’altra con fastidio.

 Sempre dall’Unità  l’ editoriale “La scorta siamo noi” di Francesca Fornario.

(..) Lo ha detto il Vice Sindaco di Pollica Stefano Pisani accanto alla bara bagnata dalla pioggia, come una barca che riprende il mare: “Tutti quelli che sono qui devono sapere che oggi hanno fatto una cosa che non potranno mai dimenticare. Oggi hanno promesso ad Angelo di impegnarsi. Oggi voi avete promesso al Sindaco di tutti di non dimenticare. Io a tutti quelli che sono qui chiedo un impegno: affinché quello che Angelo ha fatto per il nostro comune voi lo facciate per tutti.

 

Nel Programma elettorale del Centrosinistra per Casole si leggeva:

        (…)

Nell’amministrare  intendiamo osservare anche i principi basilari che devono guidare l’azione  corretta di una pubblica Amministrazione, ovvero:

 

a.          legalità, intesa come rispetto di norme, procedure, regole operative;

b.         efficienza, intesa come costante verifica della capacità operativa della struttura ed adeguamento della sua azione;

c.          efficacia, intesa come continua verifica dell’idoneità della nostra azione a rispondere ai bisogni che ne avevano determinato la scelta e lo specifico intervento;

d.         economicità, intesa come attenzione a realizzare interventi e servizi considerando un adeguato rapporto costi/benefici;

e.          trasparenza intesa non tanto come accessibilità, sempre garantita, ma soprattutto come diverso modo di intendere il rapporto Amministrazione – Cittadino.

 

E’ passato più di un anno da quando il Sindaco di Casole, dichiarò le sue priorità alla stampa (Le Vigne e San Severo) , riportando  come primo atto, a responsabile dei LL.PP, chi era .al centro dei fatti contestati dalle indagini.

Oggi l’assenza di chi dovrebbe spiegare i perché dei molti avvenimenti accaduti in questi anni, nell’urbanistica di Casole è difficile da capire. Noi fedeli al programma ci saremo sempre (legalità), informando costantemente i cittadini (trasparenza).

Continuerà  anche domani in Consiglio Comunale  il Sindaco di Casole (della trasparenza)  a negare un diritto dei casolesi: 

ESSERE  INFORMATI!!

                        di  B.M.

Categoria: Informazioni, News | Nessun Commento »

 

Scrivi a:

Per Informazioni scrivi a:
info@pdcasoledelsa.net
oppure direttamente a:
Claudio Cavicchioli

Calendario

Settembre 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Categorie

Archivi

LINK

Meta